eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Ultime notizie dall'Afghanistan · XNUMX€ Associazioni News · XNUMX€ Aviation · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ LGBTQ · XNUMX€ Incontri · XNUMX€ News · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Comunicati stampa · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Sicurezza · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Ultime notizie dagli USA · XNUMX€ Notizie varie

L'impatto della caduta dell'Afghanistan sull'industria mondiale dei viaggi e del turismo

Il dottor Peter Tarlow

Il World Tourism Network è preoccupato per l'attuale situazione in Afghanistan. Il presidente del WTN, il dott. Peter Tarlow, è il primo leader di un'associazione di viaggi globale a dare la sua valutazione sulla caduta di Kabul e su ciò che l'acquisizione dei talebani in Afghanistan farà al turismo mondiale.

Stampa Friendly, PDF e Email
  • Rete mondiale del turismo Il presidente Dr. Peter Tarlow è un esperto globale nel settore dei viaggi e del turismo e sostiene che Kabul cada nelle mani dei talebani come una delle principali preoccupazioni per l'industria globale dei viaggi e del turismo e per i membri del World Tourism Network in 128 paesi.
  • Non c'è dubbio che gli storici discuteranno delle follie delle politiche statunitensi ed europee nei confronti dell'Afghanistan per i decenni a venire. Molteplici nazioni hanno tentato di sottomettere l'Afghanistan, dagli antichi cinesi agli inglesi, dai russi agli americani.
  • In tutti i casi, l'Afghanistan è stato all'altezza della sua reputazione di “cimitero degli imperi”. La recente caduta di Kabul è solo l'ultimo dei fallimenti occidentali e da una prospettiva geo-politica, l'impatto di questa sconfitta si farà sentire per anni o decenni a venire.

Non dovrebbe sorprendere nessuno che l'impatto degli eventi degli ultimi giorni, a partire dal 14 agosto, possa avere un impatto anche sul mondo del turismo in modi non ancora compresi o assimilati dai funzionari dell'industria del turismo.

I ex presidente dell'Afghanistan tcercare più soldi che poteva prima che fuggisse dal suo paese, e ore prima che i talebani riuscissero a fermarlo. Lui e la sua famiglia sono ora al sicuro ad Abu Dhabi e sono stati accolti negli Emirati Arabi Uniti, una delle principali destinazioni di viaggi e turismo per motivi umanitari. Questo ora distrugge completamente la fragile struttura di sicurezza che il mondo occidentale aveva costruito in Afghanistan.

Eppure, nonostante ci sia molto da imparare sull'ultima debacle afghana, è importante che esperti politici, funzionari pubblici e scienziati del turismo sviluppino una comprensione di come ha giocato una nazione relativamente piccola e "povera", e potrebbe in futuro continuare a svolgere un ruolo così importante sulla scena mondiale e anche nel turismo mondiale.

Per capire cosa significhi la debacle di Kabul, dobbiamo esaminare il paese sia da una prospettiva geografica che storica. 

Gli agenti immobiliari citano spesso il ritornello che ci sono solo tre parole che determinano il valore di un immobile. Queste parole sono "posizione, posizione e posizione" In altre parole nel mondo degli immobili la posizione è tutto.

In larga misura possiamo dire la stessa cosa delle nazioni.

Gran parte del destino di una nazione è determinato da dove si trova nel mondo. Ad esempio, le nazioni americane, e gli Stati Uniti in particolare, hanno avuto un enorme vantaggio in quanto sono separate dall'Europa da un oceano. 

La mancanza di confini ostili da parte degli Stati Uniti ha fatto sì che gli Stati Uniti si siano concessi il lusso di quello che potremmo definire "splendido isolamento". 

I suoi confini naturali, a differenza di molte nazioni europee che vivono con più confini in prossimità relativamente ravvicinata, sono serviti non solo a proteggere molte nazioni americane dalle invasioni militari, ma fino all'inizio del Covid anche dalle malattie mediche.

Sebbene la fine del ventesimo secolo e il ventunesimo secolo abbiano visto un declino in questo vantaggio geografico a causa del turismo di massa e della mancanza di desiderio dell'attuale amministrazione statunitense di proteggere il confine meridionale degli Stati Uniti, il principio è ancora valido. Il Canada ha avuto il vantaggio di avere un lungo confine pacifico con gli Stati Uniti che ha permesso al Canada di spendere risorse minime per la difesa militare. 

L'Afghanistan è una situazione completamente diversa. Questa nazione senza sbocco sul mare si trova nel cuore di quelle che gli storici chiamano le "vie della seta".  

In gran parte queste sono le terre nel cuore del mondo, ed è in queste terre che si è svolta gran parte della storia economica del mondo. L'Afghanistan non solo si trova nel mezzo delle vie della seta, ma la nazione è anche incredibilmente ricca di risorse minerarie.

Secondo Peter Frankopan citando i rapporti dell'indagine geologica degli Stati Uniti che l'Afghanistan è ricco di rame, ferro, mercurio e potassio.

 La nazione ha anche importanti riserve su quelle che sono conosciute come "terre rare".  

Queste "terra" includono litio, berillio, niobio e rame. Con la caduta di Kabul questi minerali rari e sostanze preziose sono ora nelle mani dei talebani e questi minerali hanno il potenziale per rendere i talebani incredibilmente ricchi.

Non dovremmo essere sorpresi se i talebani non usano questa manna economica come un modo per promuovere il loro obiettivo dichiarato di creare un califfato islamico mondiale.  

Pochi occidentali e ancor meno funzionari del turismo comprendono il valore di queste terre e minerali rari e del fatto che anche la Cina possiede grandi quantità di molte di queste sostanze. Usiamo queste sostanze in tutto, dalla produzione di computer al talco. 

Questo controllo su minerali e terre rare rari e necessari significa che un'alleanza talebano-cinese diventa una nuova sfida per le nazioni occidentali e per estensione le loro industrie del turismo. 

La caduta di Kabul ha anche un prezzo politico. 

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Dott. Peter E. Tarlow

Il Dr. Peter E. Tarlow è un oratore di fama mondiale ed esperto specializzato nell'impatto della criminalità e del terrorismo sull'industria del turismo, sulla gestione degli eventi e del rischio turistico, sul turismo e sullo sviluppo economico. Dal 1990, Tarlow aiuta la comunità del turismo con questioni come la sicurezza e la protezione dei viaggi, lo sviluppo economico, il marketing creativo e il pensiero creativo.

Come noto autore nel campo della sicurezza del turismo, Tarlow è autore di numerosi libri sulla sicurezza del turismo e pubblica numerosi articoli di ricerca accademica e applicata su questioni di sicurezza, inclusi articoli pubblicati su The Futurist, Journal of Travel Research e Gestione della sicurezza. L'ampia gamma di articoli professionali e accademici di Tarlow comprende articoli su argomenti quali: "turismo oscuro", teorie del terrorismo e sviluppo economico attraverso il turismo, religione e terrorismo e turismo da crociera. Tarlow scrive e pubblica anche la popolare newsletter turistica on-line Tourism Tidbits letta da migliaia di professionisti del turismo e dei viaggi in tutto il mondo nelle sue edizioni in lingua inglese, spagnola e portoghese.

https://safertourism.com/

Lascia un tuo commento

Commenti

  • C'è più commento politico disinformato in questo articolo che luce su ciò che promette il titolo.

  • Pezzo stimolante e ben affermato, Peter. Sul primo ministro che se ne va con tutto quel denaro, da un lato sono d'accordo che è una vergogna totale, ma dall'altro forse ce l'ha meglio lui (e tutti sanno che ce l'ha e lo ritengono responsabile) rispetto ai talebani, vero?

  • Tutti i saluti all'esperto turistico consapevole e serio su questo meraviglioso articolo analitico per influenzare la caduta dell'Afghanistan nelle mani dei talebani, che solleva lo slogan dell'Islam sul movimento del turismo e dei viaggi internazionali.

  • Ebbene, se non riesci a tenere in ordine la tua casa e sei corrotto, anche Dio non ti aiuterà…..

    Non c'era nessun intento, nessun esercito, nessun tipo di leadership. Devi combattere la tua battaglia piuttosto che incolpare gli altri. Per quanto tempo puoi consentire a qualsiasi paese straniero di essere presente nel tuo paese.