eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ News · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Ultime notizie dall'Uganda · XNUMX€ Notizie varie

In che modo l'iniziativa per il cambiamento climatico "Pet a Tree" aiuterà il turismo in Uganda

"Pet a Tree" Turismo in Uganda

Un'iniziativa per il cambiamento climatico "Pet a Tree" è stata lanciata in Uganda dal Ministro di Stato per il Turismo, Honorable Martin Mugarra Bahinduka, un'iniziativa dell'agenzia non governativa Africa Tourism and Environment Initiatives il 5 agosto 2021, presso l'Uganda Wildlife Education Center (UWEC) di Entebbe.

Stampa Friendly, PDF e Email
  1. Nel lanciare l'iniziativa, il Ministro ha promesso il suo pieno sostegno all'organizzazione.
  2. Il progetto rientra direttamente nel Piano di sviluppo nazionale dell'Uganda della campagna di 40 milioni di alberi.
  3. Il ministro ha precisato che un rapporto tra turismo e ambiente è interdipendente per la fauna selvatica che ha bisogno degli alberi per sopravvivere. Quindi c'è la necessità di conservare gli alberi già esistenti piantando di più.

L'ambiente, per le sue potenzialità naturali, storico-culturali, climatiche sociali, rappresenta la motivazione dei viaggi dei turisti, mentre non può esistere un ambiente pulito e inalterato senza praticare l'ecoturismo.

Il Country Director dell'Uganda World Wildlife Fund (WWF), Mr. David Dduli, ha ringraziato i fondatori di “Accarezza un albero” per aver dato vita a un'iniziativa così brillante, e ha impegnato il sostegno dell'organizzazione in una mossa volta al ripristino degli alberi. “C'è bisogno di mobilitare i giovani per aderire all'iniziativa. I nomi di animali domestici sono sempre stati parte della tradizione africana e creano un attaccamento. Usiamo 'Pet a Tree' per riportare la pratica dei nomi degli animali domestici”, ha detto Duli. "Stiamo sfruttando un'opportunità che i nostri antenati hanno avuto e perso, ed è ora la nostra opportunità di ricrearla per le generazioni future".

Il presidente del consiglio di amministrazione delle iniziative per il turismo e l'ambiente in Africa, che è anche presidente del consiglio di amministrazione dell'Associazione dei proprietari di hotel dell'Uganda, la signora Susan Muhwezi, ha ringraziato l'Autorità forestale nazionale (NFA), il WWF, l'UWEC e il Ministero del turismo Natura e Antichità per aver sostenuto un'iniziativa così straordinaria che si concentra sul ripristino della biodiversità. Ha parlato di come ha continuamente sostenuto tali iniziative nella sua capacità individuale e continuerà a farlo. La signora Muhwezi ha sfidato il governo ei partner per lo sviluppo a sostenere continuamente le iniziative dei giovani che sviluppano il Paese.

Il direttore esecutivo dell'UWEC, il dott. James Musinguzi, ha consigliato agli ugandesi di rendere una norma piantare alberi in occasioni speciali come matrimoni, compleanni, ecc. Ha aggiunto: "Il pianeta richiede che gli esseri umani non pensino solo a breve termine ma attraverso le generazioni forse per la prima volta nella storia dell'umanità. Dobbiamo riconoscere la sfida di fondo del cambiamento climatico”.

Il ministro di Stato per l'ambiente, l'onorevole Beatrice Anywar, era rappresentato da Stuart Maniraguha, direttore della piantagione di NFA, che ha sottolineato la necessità di piantare almeno 124 ettari di terra all'anno in una mossa volta a ripristinare la copertura forestale perduta. Ha detto che entro un periodo di 30 anni, la popolazione degli alberi si è ridotta dal 24% all'8%, ma afferma che ora c'è un raggio di speranza con tali iniziative. L'impatto è stato avvertito da un aumento della copertura forestale del 10% e ha promesso il sostegno della NFA alla campagna "Pet a Tree". Ha inoltre chiesto una rinnovata consapevolezza e partecipazione di ogni ugandese e organizzazione affinché si unisca alle campagne sui cambiamenti climatici in una mossa volta a ripristinare la natura.

Il ministro del turismo del regno di Tooro, Joan Else Kantu, a nome del regno ha concesso alla campagna "Pet a Tree" 5 acri di terra per piantare una foresta a Tooro usando i nomi di animali domestici di Tooro. “Stiamo ascoltando il grido della natura. Questa foresta serve a garantire che i nostri nipoti apprezzino la biodiversità come l'abbiamo goduta noi".

Amumpaire Moses Bismac, fondatore di "Pet a Tree" e Africa Tourism and Environment Initiatives, ha espresso apprezzamento per le agenzie governative WWF, National Forestry Authority, Uganda Wildlife Education Center e Uganda Wildlife Authority per il sostegno alla campagna "Pet a Tree". Ha invitato i colleghi giornalisti e tutti gli ugandesi ad avere almeno un pet tree. "In modo speciale, apprezzo il sostegno del WWF alle sue iniziative ambientali e il sostegno a questa campagna 'Pet a Tree'".

In Uganda, il regno di Bunyoro-Kitara, una delle istituzioni culturali del paese, ha adattato la deposizione di piantine al posto delle ghirlande durante le sepolture in un'iniziativa di Omukama (re) Solomon Gafabusa Iguru I per riforestare il regno, una pratica che da allora ha messo radici nel negli ultimi anni.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Tony Ofungi - eTN Uganda

Lascia un tuo commento