eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Cultura · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ News · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Ultime notizie dall'Uganda · XNUMX€ Notizie varie

L'Uganda Regolamenta elettronicamente il commercio di animali selvatici, preservando il turismo

L'Uganda regolamenta il commercio di animali selvatici

Il Ministero del turismo, della fauna selvatica e delle antichità dell'Uganda ha lanciato oggi, 29 luglio 2021, il primo sistema di autorizzazione elettronica per regolare il commercio di animali selvatici e prodotti della fauna selvatica nel paese.

Stampa Friendly, PDF e Email
  1. Sotto il tema "Rafforzare la regolamentazione del commercio sostenibile della fauna selvatica", il sistema di autorizzazione elettronico mira a controllare il commercio legale di animali selvatici e prevenire il commercio illegale di esemplari.
  2. Ciò si ottiene tramite permessi e licenze elettronici per il commercio (importazione, esportazione e riesportazione) di esemplari.
  3. Questi esemplari sono elencati nella Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione di flora e fauna selvatiche (CITES).

L'Uganda diventa ora il primo paese dell'Africa orientale e l'ottavo del continente africano a sviluppare un sistema elettronico di permessi CITES.

Lo sviluppo del sistema di autorizzazione elettronica è stato finanziato dal popolo americano nell'ambito del programma United States Agency for International Development (USAID)/Uganda Combating Wildlife Crime (CWC) attraverso la Wildlife Conservation Society (WCS) in collaborazione con il Ministero del Turismo, Fauna selvatica e antichità.

Il lancio è stato moderato dal Dr. Barirega Akankwasah, PhD, Commissario per la conservazione della fauna selvatica e Direttore ad interim del Ministero del turismo della fauna selvatica e delle antichità (MTWA), in un formato ibrido online e fisico. Erano presenti il ​​ministro del Turismo della fauna selvatica e delle antichità, l'onorevole Tom Butime, che ha presieduto il lancio; la sua Segretaria Permanente, Doreen Katusiime; Ambasciatore degli Stati Uniti in Uganda, Ambasciatore Natalie E. Brown; e capo della delegazione europea in Uganda, Ambasciatore Attilio Pacifici. Haruko Okusu, Responsabile del Progetto, ha potuto rappresentare virtualmente il Segretariato CITES.

Intervenendo all'evento, l'ambasciatore Brown ha evidenziato i progetti supportati dall'USAID per combattere il commercio illegale di animali selvatici, tra cui l'Unità canina nella Riserva naturale di Karuma, dove i cani vengono addestrati e attrezzati per intercettare i prodotti della fauna selvatica nella regione. 

L'ambasciatore Pacifici ha denunciato la distruzione di foreste, tra cui Bugoma, alla coltivazione commerciale dello zucchero da parte di Hoima Sugar Limited e Zoka Forest ai taglialegna che la delegazione dell'UE aveva visitato nel novembre 2020 e ha documentato la distruzione attraverso immagini satellitari. La foresta di Bugoma è un habitat per l'endemico Mangabey dell'Uganda e la foresta di Zoka è un habitat endemico per lo scoiattolo volante. Entrambe le foreste sono state al centro di una campagna sostenuta contro i cartelli di accaparratori di terre e gli elementi corrotti nelle alte cariche.

Haruko Okusu, Segretariato CITES, ha osservato che “… I permessi sono uno dei principali strumenti per monitorare il commercio delle specie elencate nella CITES e sono fondamentali per comprendere la portata del commercio CITES. Il sistema dell'Uganda cerca di garantire ogni passaggio della catena di custodia”.

Il Dr. Barirega ha fornito un background sulla CITES e la successiva firma dell'Uganda, inclusa un'interpretazione delle Appendici I, II e III alla Convenzione, che elenca le specie che offrivano diversi livelli o tipi di protezione dall'eccessivo sfruttamento.

Ha affermato che, in qualità di autorità di gestione della CITES, il Ministero del turismo, della fauna selvatica e delle antichità dell'Uganda ha il mandato di garantire che il commercio di specie selvatiche elencate nella CITES e di altre specie selvatiche sia sostenibile e legale. Ciò avviene tra l'altro attraverso il rilascio di permessi CITES su raccomandazione dell'Uganda Wildlife Authority per gli animali selvatici; il Ministero dell'agricoltura, dell'industria animale e della pesca per i pesci ornamentali; e il Ministero dell'Acqua e dell'Ambiente per le piante di origine selvatica. È responsabilità delle autorità scientifiche della CITES garantire che il commercio, in particolare di specie animali o vegetali, non sia dannoso per la loro sopravvivenza delle specie in natura.

Fino ad ora, l'Uganda, come molti altri paesi, ha utilizzato un sistema cartaceo di certificazione e rilascio di autorizzazioni, che può essere soggetto a falsificazioni, richiede più tempo per l'elaborazione e la verifica e, con l'avvento del COVID-19, la circolazione dei documenti può essere un rischio di trasmissione di malattie. Con il sistema elettronico, vari punti focali CITES e forze dell'ordine possono verificare istantaneamente un permesso e condividere informazioni in tempo reale sul commercio di animali selvatici. Ciò impedirà il commercio illegale di specie selvatiche che minaccia le popolazioni di alcune delle specie selvatiche più iconiche come gli elefanti, minando così le entrate del turismo e la sicurezza nazionale dell'Uganda.

Joward Baluku, responsabile della fauna selvatica presso il Ministero del turismo, della fauna selvatica e delle antichità, ha dimostrato il sistema online mostrando come si deve semplicemente accedere con le proprie credenziali tramite un link sul sito del Ministero del Turismo Fauna e Antichità che accompagna il richiedente attraverso un processo di registrazione prima di essere convalidato e certificato.

L'Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID)/Uganda Combating Wildlife Crime (CWC) è un'attività di 5 anni (13 maggio 2020 - 12 maggio 2025) implementata dalla Wildlife Conservation Society (WCS) insieme a un consorzio di partner tra cui l'African Wildlife Foundation (AWF), il Natural Resource Conservation Network (NRCN) e il Royal United Services Institute (RUSI). L'obiettivo dell'attività è ridurre i crimini contro la fauna selvatica in Uganda rafforzando la capacità delle parti interessate della CWC di rilevare, scoraggiare e perseguire i crimini contro la fauna selvatica attraverso strette collaborazioni con agenzie di sicurezza e forze dell'ordine, partner di attuazione dell'USAID, società del settore privato e comunità che vivono adiacenti alle aree protette.

La Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatiche minacciate di estinzione (CITES) è stata firmata il 3 marzo 1973 ed è entrata in vigore il 1 luglio 1975. La convenzione assoggetta il commercio internazionale di esemplari di specie selezionate all'autorizzazione attraverso un sistema di licenze . L'Uganda, parte della convenzione dal 16 ottobre 1991, ha designato il Ministero del turismo, della fauna selvatica e delle antichità come autorità di gestione della CITES per amministrare il sistema di licenze e coordinare l'attuazione della CITES in Uganda. L'Uganda ha anche designato l'Uganda Wildlife Authority; Ministero dell'Acqua e dell'Ambiente; e il Ministero dell'agricoltura, dell'industria animale e della pesca saranno autorità scientifiche CITES rispettivamente per gli animali selvatici, le piante selvatiche e i pesci ornamentali per offrire consulenza scientifica sugli effetti del commercio sulla conservazione delle specie selvatiche. 

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Tony Ofungi - eTN Uganda

Lascia un tuo commento