Compagnie Aeree · XNUMX€ Aviation · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ News · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Notizie varie

La IATA mette in dubbio la necessità di costosi test PCR

L'alto costo dei test PCR influisce negativamente sul recupero dei viaggi internazionali
L'alto costo dei test PCR influisce negativamente sul recupero dei viaggi internazionali

Volare alle Hawaii richiede una PCR COVID-19. Questo è un grande business per molti, comprese aziende come Longs Drugs, Walgreens e molte altre. Il costo di $ 110- $ 275 per un test obbligatorio per evitare la quarantena può essere ripido e scoraggiante per le famiglie. La IATA sa che questo è controproducente quando si cerca di far tornare le persone a volare.

Stampa Friendly, PDF e Email
  1. I regolamenti sono contrastanti e confusi. Arrivare negli Stati Uniti significa che un test dell'antigene economico e spesso gratuito va bene mentre si continua alle Hawaii, è richiesto il test PCR molte volte più costoso.
  2. L'International Air Transport Association (IATA) ha invitato i governi ad agire per affrontare l'alto costo dei test COVID-19 in molte giurisdizioni e ha sollecitato la flessibilità nel consentire l'uso di test antigenici convenienti come alternativa ai test PCR più costosi.
  3. La IATA ha anche raccomandato ai governi di adottare recenti orientamenti dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) considerare l'esenzione dei viaggiatori vaccinati dai requisiti per i test. 

Secondo il più recente sondaggio sui viaggiatori della IATA, l'86% degli intervistati è disposto a sottoporsi al test. Ma il 70% ritiene anche che il costo dei test sia un ostacolo significativo ai viaggi, mentre il 78% ritiene che i governi dovrebbero sostenere il costo dei test obbligatori. 

"IATA supporta i test COVID-19 come percorso per riaprire le frontiere ai viaggi internazionali. Ma il nostro sostegno non è incondizionato. Oltre ad essere affidabili, i test devono essere facilmente accessibili, convenienti e adeguati al livello di rischio. Troppi governi, tuttavia, stanno fallendo su alcuni o tutti questi. Il costo del test varia ampiamente tra le giurisdizioni, con poca relazione con il costo effettivo della conduzione del test. Il Regno Unito è il fiore all'occhiello per i governi che non riescono a gestire adeguatamente i test.

Nel migliore dei casi è costoso, nel peggiore dei casi esorbitante. E in entrambi i casi, è uno scandalo che il governo applichi l'IVA”, ha affermato Willie Walsh, direttore generale della IATA.

La nuova generazione di test rapidi costa meno di $ 10 per test. A condizione che venga somministrato un test rRT-PCR di conferma per risultati positivi, le linee guida dell'OMS considerano il test dell'antigene Ag-RDT come un'alternativa accettabile alla PCR. E, dove il test è un requisito obbligatorio, l'OMS Regolamento sanitario internazionale (RSI) affermano che né i passeggeri né i vettori dovrebbero sostenere il costo dei test.

Anche i test devono essere adeguati al livello di minaccia. Ad esempio, nel Regno Unito, gli ultimi dati del Servizio sanitario nazionale sui test sui viaggiatori in arrivo mostrano che sono stati condotti oltre 1.37 milioni di test sugli arrivi dai cosiddetti paesi dell'ambra. Solo l'1% è risultato positivo in quattro mesi. Nel frattempo, ogni giorno nella popolazione generale vengono rilevati quasi tre volte il numero di casi positivi.

“I dati del governo del Regno Unito confermano che i viaggiatori internazionali presentano un rischio minimo o nullo di importare COVID-19 rispetto ai livelli di infezione esistenti nel paese. Per lo meno, quindi, il governo del Regno Unito dovrebbe seguire la guida dell'OMS e accettare test dell'antigene veloci, convenienti ed efficaci, con un test PCR di conferma per coloro che risultano positivi. Questo potrebbe essere un percorso per consentire anche alle persone non vaccinate di accedere ai viaggi", ha affermato Walsh.

Il riavvio dei viaggi internazionali è fondamentale per supportare i 46 milioni di posti di lavoro nel settore dei viaggi e del turismo in tutto il mondo che si basano sull'aviazione. “Il nostro ultimo sondaggio conferma che l'alto costo dei test inciderà pesantemente sulla forma della ripresa del viaggio. Non ha senso che i governi adottino misure per riaprire i confini se tali misure rendono proibitivo il costo del viaggio per la maggior parte delle persone. Abbiamo bisogno di una ripartenza alla portata di tutti", ha affermato Walsh.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Juergen T Steinmetz

Juergen Thomas Steinmetz ha lavorato ininterrottamente nel settore dei viaggi e del turismo sin da quando era un adolescente in Germania (1977).
Lui ha fondato eTurboNews nel 1999 come prima newsletter online per l'industria mondiale del turismo di viaggio.