Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Hotel e resort · XNUMX€ News · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ Ultime notizie dagli USA · XNUMX€ Notizie varie

500,000 posti di lavoro negli hotel negli Stati Uniti non torneranno entro la fine dell'anno

500,000 posti di lavoro negli hotel negli Stati Uniti non torneranno entro la fine dell'anno
500,000 posti di lavoro negli hotel negli Stati Uniti non torneranno entro la fine dell'anno
Scritto da Harry Johnson

Le entrate delle camere d'albergo diminuiranno di 44 miliardi di dollari quest'anno rispetto al 2019.

Stampa Friendly, PDF e Email
  • Più di un lavoro su cinque nelle operazioni alberghiere dirette ha perso durante la pandemia.
  • Si prevede che l'occupazione degli hotel diminuirà di dieci punti percentuali rispetto ai livelli del 2019.
  • Gli stati e le località avranno perso oltre 20 miliardi di dollari di entrate fiscali non realizzate dagli hotel negli ultimi due anni.

A metà del 2021, un nuovo rapporto e una ripartizione della perdita di posti di lavoro stato per stato rilasciati dal American Hotel & Lodging Association (AHLA) scoprire che mentre i viaggi di piacere stanno iniziando a tornare, la strada del settore alberghiero per la ripresa dalla pandemia è lunga e irregolare, con i mercati urbani colpiti in modo sproporzionato.

Le proiezioni del settore sono migliorate da gennaio con l'aumento dei viaggi di piacere, ma il settore rimane ben al di sotto dei livelli pre-pandemia.

I principali risultati includono:

  1. Più di un lavoro su cinque nelle operazioni alberghiere dirette perse durante la pandemia, quasi 500,000 in totale, non sarà tornato entro la fine dell'anno.
  2. Si prevede che l'occupazione degli hotel diminuirà di dieci punti percentuali rispetto ai livelli del 2019.
  3. Le entrate delle camere d'albergo diminuiranno di 44 miliardi di dollari quest'anno rispetto al 2019.
  4. Gli stati e le località avranno perso oltre 20 miliardi di dollari di entrate fiscali non realizzate dagli hotel negli ultimi due anni.

I risultati arrivano mentre l'AHLA e la Asian American Hotel Owners Association ospitano il loro Virtual Action Summit (20-22 luglio), in cui gli albergatori di quasi tutti gli stati del paese si incontrano con i membri del Congresso per condividere l'impatto del COVID-19 sul settore e chiedere ulteriori aiuti esortando il Congresso a:

  • Cosponsor e approva il Save Hotel Jobs Act (S.1519/HR3093)
  • Cosponsor e approvare le fatture per stabilire tariffe giornaliere eque (HR2104/S.2160)
  • Contribuisci a fornire agli albergatori l'accesso al credito d'imposta sulla ritenzione dei dipendenti, che attualmente esclude molti albergatori

“Nonostante un aumento dei viaggi di piacere, a metà del 2021 stiamo ancora vedendo che la strada per un pieno recupero per gli hotel americani è lunga e irregolare. Questi risultati mostrano la devastazione economica che ancora deve affrontare i mercati alberghieri e sottolineano la necessità di un aiuto mirato da parte del Congresso per i lavoratori alberghieri e le piccole imprese", ha affermato Chip Rogers, presidente e CEO di AHLA. “Gli hotel e i loro dipendenti hanno mostrato una straordinaria capacità di recupero di fronte a sfide economiche senza precedenti, ma che si tratti del Save Hotel Jobs Act, di tariffe giornaliere eque o di ampliare l'apertura sul credito d'imposta sulla ritenzione dei dipendenti, abbiamo bisogno dell'aiuto del Congresso sulla strada ad un completo recupero. Ecco perché l'industria è unita dietro il nostro Virtual Action Summit”.

Il COVID-19 è il peggior evento economico nella storia dell'industria alberghiera americana. Mentre il recente aumento dei viaggi di piacere per l'estate è incoraggiante, i viaggi di lavoro e di gruppo, la più grande fonte di entrate del settore, impiegheranno molto più tempo per riprendersi. I viaggi d'affari sono in calo e non si prevede che tornino ai livelli del 2019 almeno fino al 2023 o al 2024. Anche grandi eventi, convegni e riunioni di lavoro sono già stati cancellati o rinviati almeno fino al 2022.  

Nonostante siano tra i più colpiti dalla pandemia, gli hotel sono l'unico segmento del settore dell'ospitalità e del tempo libero che ancora non ha ricevuto aiuti diretti legati al COVID

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Harry Johnson

Harry Johnson è stato il redattore degli incarichi per eTurboNews per quasi 20 anni.
Harry vive a Honolulu, Hawaii ed è originario dell'Europa.
Ama scrivere e ha ricoperto il ruolo di redattore dei compiti per eTurboNews.

Lascia un tuo commento