Compagnie Aeree · XNUMX€ Aviation · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Ultime notizie dall'Italia · XNUMX€ News · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Trasporti in Damanhur · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Notizie varie

Da Italia Trasporto Aereo Airline ad Alitalia Loyalty Rewards

Cosa succede ai premi fedeltà Alitalia?

All'inizio delle nuove attività di Italia Trasporto Aereo (ITA) – già Alitalia – ITA opererà una flotta di 52 aeromobili, di cui 7 wide body e 45 narrow body. Ma cosa accadrà ai premi fedeltà Alitalia nella transizione?

Stampa Friendly, PDF e Email
  1. L'amministratore delegato della nuova compagnia, Fabio Lazzerini, ha confermato in una conferenza stampa che la compagnia crescerà a 78 aerei nel 2022.
  2. Questo aumento porterà in 26 velivoli in più, di cui 6 wide body e 20 narrow body.
  3. Cosa accadrà ai premi fedeltà Alitalia al decollo della nuova compagnia di bandiera?

Dice Lazzerini: “Dal 2022 prevediamo di iniziare l'introduzione in flotta degli aeromobili di nuova generazione, che andranno a sostituire progressivamente i velivoli di vecchia tecnologia. A fine 2025 la flotta salirà a 105 (23 wide body e 82 narrow body), con 81 velivoli di nuova generazione (pari al 77 per cento della flotta totale) che consentiranno – nelle intenzioni della newco – di ridurre l'impatto ambientale e ottimizzare l'efficienza e la qualità dell'offerta”.

LA CARTA FEDELTA'

ITA dice addio alla MilleMiglia Alitalia – Cosa succede ai punti sulla carta Alitalia?

La carta fedeltà passa da Alitalia a ITA è previsto per metà ottobre quando Alitalia smetterà di volare e prenderà il via il nuovo ITA (Italy Air Transport), che lascerà solo 52 velivoli. Secondo il nuovo CEO, questo è sufficiente per "competere". Ha detto che mentre è vero che le altre compagnie hanno flotte più grandi, "quanti aerei volano effettivamente adesso?" Dice Lazzerini, vista l'emergenza COVID, sono pochi.

Lazzerini ha spiegato: “Per evitare di spendere tutti i soldi del governo italiano, abbiamo scelto un approccio graduale legato ai volumi di traffico previsti nei prossimi mesi. Se le varianti non porteranno a nuove chiusure, la compagnia aumenterà il numero di aeromobili [a 78 nel 2022] di pari passo con l'aumento del traffico”.

Cosa succede alla carta MilleMiglia di Alitalia?

La Commissione Europea ha deciso che Alitalia Loyalty, la società che gestisce il programma fedeltà della compagnia italiana “MilleMiglia”, deve essere venduta al miglior offerente attraverso una gara pubblica, trasparente e aperta a tutti gli interessati. Ma ITA, la nuova compagnia di bandiera, non potrà partecipare a questa gara in segno di discontinuità tra le 2 compagnie. Le carte MilleMiglia in circolazione finiranno così con un nuovo titolare non ancora conosciuto e che potrebbe operare anche in un'area diversa da quella aeronautica.

Cosa succede dal 15 ottobre 2021?

L'acquirente del programma fedeltà deciderà come utilizzare il montepremi di miglia che i soci (circa 5 milioni) hanno accumulato. Poiché queste miglia sono un debito per chi gestisce il programma, bisognerà vedere come verrà “ripagato”. Se il nuovo proprietario di Loyalty fosse, ad esempio, un marchio di un supermercato, potrebbe convertire quelle miglia in buoni spesa, ha affermato Lazzerini.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Mario Masciullo - eTN Italia

Mario è un veterano nel settore dei viaggi.
La sua esperienza si estende in tutto il mondo dal 1960, quando all'età di 21 anni ha iniziato ad esplorare il Giappone, Hong Kong e la Thailandia.
Mario ha visto il World Tourism svilupparsi fino ad oggi e ha assistito al
distruzione della radice / testimonianza del passato di un buon numero di paesi a favore della modernità / progresso.
Negli ultimi 20 anni l'esperienza di viaggio di Mario si è concentrata nel sud-est asiatico e negli ultimi tempi ha incluso il subcontinente indiano.

Parte dell'esperienza lavorativa di Mario comprende molteplici attività nell'Aviazione Civile
field si è concluso dopo aver organizzato il kik off di Malaysia Singapore Airlines in Italia come Institutor e proseguito per 16 anni nel ruolo di Sales / Marketing Manager Italy per Singapore Airlines dopo la scissione dei due governi nell'ottobre 1972.

La licenza ufficiale di giornalista di Mario è dell '"Ordine Nazionale dei Giornalisti Roma, Italia nel 1977.

Lascia un tuo commento