Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Ultime notizie dall'India · XNUMX€ News · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Turismo Talk · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Notizie varie

Dirigenti IATO faccia a faccia con il governo indiano

I rappresentanti della IATO incontrano il ministro delle finanze

Oggi, il Sig. Rajiv Mehra, Presidente, e il Sig. Pronab Sarkar, Immediato Past President, della Indian Association of Tour Operators (IATO), l'organo di vertice nazionale degli operatori turistici, hanno invitato l'On. Il ministro delle finanze, la signora Nirmala Sitharaman, nel suo ufficio.

Stampa Friendly, PDF e Email
  1. I rappresentanti della IATO si sono incontrati per ringraziarla per aver autorizzato il Service Exports from India Scheme (SEIS) per i fornitori di servizi.
  2. Inoltre l'hanno ringraziata per i 5 lakh di visti e-Tourist gratuiti per i turisti stranieri, e per la concessione di prestiti e per chiedere maggiore sostegno al governo per il rilancio del turismo e per risolvere i problemi in sospeso.
  3. Ciò aiuterà notevolmente i tour operator indiani a competere con i paesi vicini per attirare più turisti in India.

Le questioni sollevate con l'On. Il ministro doveva mantenere la percentuale del 7% di SEIS Scrips che è stata data agli operatori turistici negli ultimi due anni. Hanno detto che la IATO ha chiesto di aumentare la percentuale al 10% e che dovrebbe essere mantenuta al 7% se non può essere aumentata. Hanno anche detto che non dovrebbero esserci limiti e che SEIS ai tour operator dovrebbe essere rilasciato senza alcun compromesso sulla percentuale.

Hanno anche discusso con l'On. Ministro dell'effetto a cascata dell'imposta sui beni e servizi (GST) sui tour operator e ha chiesto di rimuovere questa anomalia addebitando la GST sul valore stimato che potrebbe essere il 10 percento della fatturazione lorda dei tour operator. Ciò consentirà al servizio di essere tassato al 18% su un ricarico del 10%, il che significa che un'aliquota effettiva di GST sul costo totale del pacchetto sarà pari all'1.8% della fatturazione lorda del tour operator al suo cliente senza input Credito d'imposta (ITC). È stato inoltre richiesto che la GST e l'Integrated Goods and Services Tax (IGST) siano completamente esentate sui servizi forniti al di fuori dell'India, ovvero nei paesi limitrofi anche se il pacchetto include un Tour dell'India, poiché ciò sta causando una perdita di affari per i tour operator. Come risultato dell'esenzione fiscale, le prenotazioni arriveranno ai tour operator indiani invece di tali prenotazioni ai tour operator con sede nei paesi vicini. Ciò aggiungerà un considerevole cambio estero per il paese.

Un'altra questione che è stata affrontata è stata la riscossione delle tasse alla fonte (TCS) sulla vendita di pacchetti turistici all'estero. È stato richiesto che il TCS non sia reso applicabile a persone o società che sono cittadini stranieri non residenti, turisti o tour operator stranieri situati al di fuori dell'India per l'acquisto di pacchetti turistici attraverso un Tour operator indiano Indian per fuori dall'India.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Anil Mathur - eTN India

Lascia un tuo commento