Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Cultura · XNUMX€ Health News · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ News · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Ultime notizie dagli USA · XNUMX€ Notizie varie

Voglio un bambino: viaggia con uno scopo!

Fertilità Turismo

Indipendentemente dal fatto che la cartella del piano di viaggio sia etichettata come Turismo della fertilità, Viaggio riproduttivo o Assistenza riproduttiva transfrontaliera, le donne e le coppie lasciano i loro codici postali di casa con "fare un bambino" in cima alla loro lista di cose da fare.

Stampa Friendly, PDF e Email
  1. Il desiderio di avere un figlio non è limitato al reddito, all'età, all'orientamento sessuale o alla geografia.
  2. La ricerca quantifica il fatto che le donne dei paesi a basso e medio reddito (LMIC) e delle principali città europee e americane viaggeranno per avere un bambino.
  3. L'Organizzazione Mondiale della Sanità stima che una coppia su quattro nei LMICs abbia problemi di fertilità.

Fare un bambino

Si stima che 186 milioni di coppie in questi paesi (esclusa la Cina) abbiano trascorso almeno 5 anni cercando di concepire senza successo. Mentre le condizioni mediche sono comuni ai problemi di fertilità nei paesi di tutto lo spettro della ricchezza, in alcune culture le donne sterili sono spesso evitate dalle loro famiglie ed escluse dalle attività sociali e dai rituali culturali. È più probabile che siano vittime di violenza domestica o che siano divorziati dai loro mariti. Mentre l'infertilità è altrettanto probabile che derivi da problemi con il sistema riproduttivo maschile come quella femminile, di solito sono le donne ad essere incolpate per la mancata produzione di un bambino.

Salute Edizione

L'infertilità è considerata un grave problema di salute e colpisce l'8-10 percento delle coppie a livello globale. I Centers for Disease Control (CDC – 2013) e Office of Women's Health (2019) hanno rilevato che il 9% degli uomini e il 10% delle donne di età compresa tra 15 e 44 anni avevano a che fare con problemi di infertilità negli Stati Uniti e il rapporto sull'endocrinologia biologica riproduttiva (2015) ha determinato che circa 48.5 milioni di coppie sperimentano l'infertilità su base mondiale.

I Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) stima che 750,000 residenti negli Stati Uniti viaggiano all'estero per assistenza sanitaria ogni anno. Turismo della fertilità attualmente controlla meno del 5% del mercato del turismo medico di quasi 55 miliardi di dollari (2014); tuttavia, si prevede che nei prossimi anni le dimensioni saranno quasi quadruplicate. Si stima che il mercato globale della tecnologia di riproduzione assistita abbia generato un fatturato di 22.3 miliardi di dollari (2015) con i farmaci per la fertilità che rappresentano un campo farmaceutico in rapida espansione.

Che cos'è?

Le persone riconoscono di dover affrontare "problemi di fertilità", quando non sono in grado di avere una gravidanza clinica dopo 12 mesi di tentativi di rapporti sessuali. L'infertilità, o l'incapacità di rimanere incinta, colpisce circa l'8-12 percento delle coppie che cercano di concepire o 186 milioni di persone in tutto il mondo. In alcune località, i tassi di infertilità superano la media globale e possono arrivare fino al 30% a seconda del paese.

Le procedure principali sono la fecondazione in vitro (IVF), l'inseminazione artificiale da parte di un donatore e la maternità surrogata e associate alla tecnologia di riproduzione assistita (ART).

Le motivazioni a viaggiare per cure mediche sono spinte da un'assicurazione sanitaria inadeguata o assente a casa e dalla crescente domanda di procedure che potrebbero non essere coperte dai piani assicurativi disponibili come il trattamento della fertilità, il cambio di sesso, la ricostruzione dentale e la chirurgia estetica.

Alcuni viaggiatori si dedicano al turismo della fertilità quando riconoscono che medici per la fertilità migliori (o migliorati) sono disponibili al di fuori della loro comunità immediata, mentre altri cercano cure riproduttive al di fuori del loro locale al fine di eludere le leggi, eludere le restrizioni legali/etiche/religiose o di altro tipo e /o evita lunghe liste di attesa. Molte nazioni non consentono trattamenti di fertilità per le coppie dello stesso sesso o per le donne single. Secondo i dirigenti dell'Istituto per lo sviluppo e l'integrazione dell'assistenza sanitaria (Fondazione IDIS), "i motivi per cui le persone viaggiano all'estero per cercare trattamenti per la fertilità possono essere classificati in categorie: costo, qualità e disponibilità del trattamento..."

Tuttavia, anche con i migliori medici e le cliniche più avanzate, le probabilità di avere un figlio con l'aiuto della scienza medica non sono grandi. Per le donne sotto i 35 anni, solo il 36% rimarrà incinta per ciclo di fecondazione in vitro utilizzando le proprie uova non congelate (CDC). All'età di 41 anni, è meno di due terzi di quello; dopo 42, i numeri scendono di un'altra metà al 6%. I tassi per la fecondazione in vitro utilizzando un ovulo donatore sono più alti ma ancora inferiori al 50 percento. Mentre le percentuali di successo appaiono più rosee sui siti web delle cliniche, Carolin Schurr, una geografa dell'Università di Berna che studia l'industria della fertilità transnazionale è diffidente nei confronti delle percentuali di successo pubblicizzate perché "dipende davvero da come le calcoli, e c'è molto spazio per manipolare."

Indipendentemente dai dati, il turismo della fertilità si sta espandendo poiché è disponibile una migliore assistenza sanitaria in luoghi che richiedono viaggi e le strutture mediche di destinazione offrono ai pazienti tecnologia all'avanguardia, farmaci innovativi, dispositivi moderni, migliore ospitalità e assistenza personalizzata a "valore" prezzo.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Dr. Elinor Garely - speciale per eTN e caporedattore, wine.travel