Ente per il turismo africano · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Hotel e resort · XNUMX€ Ultime notizie dal Kenya · XNUMX€ News · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Trasporti in Damanhur · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Notizie varie

Il Kenya punta sul turismo africano per mitigare l'impatto del COVID-19

Il Kenya punta sul turismo africano per mitigare l'impatto del COVID-19
Il Kenya punta sul turismo africano per mitigare l'impatto del COVID-19

Il Kenya Tourism Board intensifica gli sforzi per commercializzare il Kenya nel resto dell'Africa prendendo di mira i mercati di origine chiave nella regione africana.

Stampa Friendly, PDF e Email
  • Il Kenya è stato un centro turistico per i mercati dell'Africa orientale e centrale, facendo affidamento sul suo forte servizio aereo e su standard di ospitalità più elevati.
  • Il Kenya Tourism Board ha tenuto un incontro lo scorso fine settimana con i tour operator dell'Uganda, del Ruanda e dell'Etiopia nella città turistica costiera di Mombasa.
  • Il turismo in Africa è considerato il mercato in più rapida crescita al mondo, con esperti di viaggio che vedono il numero di turisti nel continente crescere a un tasso dell'8.6%.

Sfruttando il ricco e non sfruttato mercato del turismo africano, il Kenya sta ora prendendo serie iniziative per attirare turisti da altri stati africani, con l'obiettivo di accelerare la ripresa del turismo dopo il crollo causato dalla pandemia di COVID-19.

Ente per il turismo del Kenya (KTB) negli ultimi mesi ha intensificato gli sforzi per commercializzare il Kenya nel resto dell'Africa prendendo di mira i mercati di origine chiave nella regione africana.

Ricco di fauna selvatica, patrimoni storici e culturali, il Kenya è tra i paesi africani che hanno sofferto degli impatti della pandemia di COVID-19 visti dalla flessione degli arrivi di turisti dalle principali fonti di mercato dell'Europa e degli Stati Uniti d'America.

Il Kenya è stato un centro turistico per i mercati dell'Africa orientale e centrale, facendo affidamento sul suo forte servizio aereo e sui più elevati standard di ospitalità per i turisti rispetto ad altri paesi della regione dell'Africa orientale e centrale.

Approfittando dei suoi servizi aerei altamente sviluppati, strutture alberghiere e ricettive con un turismo e una base di viaggio affermati, il Kenya si rivolge ora ai visitatori africani per completare e colmare una lacuna causata dalla caduta del turismo internazionale.

Il Kenya Tourism Board (KTB) ha annunciato di recente che la commercializzazione del Kenya come destinazione attraente per i visitatori dal resto del continente è stata intensificata dopo l'allentamento delle restrizioni di viaggio COVID-19 da parte di un certo numero di stati africani.

Wausi Walya, responsabile degli affari aziendali di KTB, ha affermato che ci sono enormi potenzialità turistiche e di viaggio sia nella regione dell'Africa orientale che nel mercato africano che il Consiglio intende acquisire attraverso varie piattaforme, compresi i media.

Il Consiglio ha tenuto un incontro lo scorso fine settimana con i tour operator dell'Uganda, del Ruanda e dell'Etiopia nella città turistica costiera di Mombasa.

Il Kenya organizzerà vari viaggi per i tour operator africani per familiarizzare con le attrazioni panoramiche del paese, comprese le spiagge costiere, i santuari della fauna selvatica e i siti archeologici, ha affermato Walya.

“Il Kenya considera strategico il mercato del turismo africano, con l'Uganda in testa per numero di visitatori in questo Paese”, ha affermato.

Le mosse che KTB sta facendo aumenterebbero gli arrivi di turisti in questo momento in cui il turismo globale si sta riprendendo dagli effetti della pandemia di COVID-19.

Il Consiglio sta inoltre pianificando di ospitare viaggi di familiarizzazione in diversi siti interessanti in Kenya, con l'obiettivo di invogliare il settore dei viaggi a provare la destinazione keniota con il suo immenso potenziale turistico per attirare sia i mercati regionali che quelli africani.

Uno speciale cocktail party è stato organizzato per 15 travel e tour operator provenienti da Uganda, Ruanda ed Etiopia che hanno partecipato a una settimana di campionatura dei prodotti delle famose destinazioni turistiche del Kenya.

Il gruppo di tour operator regionali ha visitato i principali siti turistici di Nairobi, Nanyuki, Maasai Mara, Tsavo, Diani, Malindi e Watamu in missione per vedere le varie attrazioni turistiche che il Kenya può offrire ai safari maker africani e globali.

Il turismo in Africa è considerato il mercato in più rapida crescita al mondo, con esperti di viaggio che hanno visto che i numeri del turismo nel continente sono cresciuti a un tasso dell'8.6% negli ultimi anni rispetto a una media globale del XNUMX%.

Il Kenya Tourism Board aveva notato che la promozione del turismo intra-africano potrebbe allo stesso tempo catalizzare la generazione di opportunità all'interno dell'Africa Continental Free Trade Area (AfCFTA) con la necessità di rafforzare la crescita e la collaborazione tra le destinazioni turistiche africane per sfruttare il potenziale esistente nel continente.

La Tanzania e il Kenya hanno sostenuto la libera circolazione per i viaggi regionali e internazionali dopo che i presidenti di entrambi gli stati confinanti hanno concordato di migliorare i viaggi regionali e la circolazione delle persone.

I Ente africano per il turismo (ATB) sta attualmente lavorando a stretto contatto con diverse destinazioni africane per migliorare i viaggi all'interno dell'Africa attraverso piattaforme turistiche regionali.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Apolinari Tairo - eTN Tanzania