eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra :
Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Compagnie Aeree · XNUMX€ Aeroporto · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ News · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Turismo Talk · XNUMX€ Trasporti in Damanhur · XNUMX€ Segreti di viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Ultime notizie dagli USA · XNUMX€ Notizie varie

Le compagnie aeree statunitensi potrebbero presto essere tenute a rimborsare le tariffe per il bagaglio registrato in ritardo

Alle compagnie aeree statunitensi potrebbe presto essere richiesto di rimborsare le tasse sul bagaglio registrato in ritardo
Alle compagnie aeree statunitensi potrebbe presto essere richiesto di rimborsare le tasse sul bagaglio registrato in ritardo
Scritto da Harry Johnson

La proposta richiederà rimborsi se le compagnie aeree non consegnano un bagaglio entro 12 ore dall'atterraggio del volo statunitense del passeggero o entro 25 ore da un volo internazionale.

Stampa Friendly, PDF e Email
  • La normativa vigente prevede il rimborso solo in caso di smarrimento dei bagagli.
  • La proposta di bag-fee è la prima di una serie di regolamenti per i consumatori delle compagnie aeree provenienti dall'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden.
  • Se approvata, la proposta potrebbe entrare in vigore entro la prossima estate.

Un alto funzionario con il Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti ha detto che l'agenzia emetterà una proposta nei prossimi giorni che richiederebbe alle compagnie aeree di rimborsare le tasse sul bagaglio registrato se i bagagli non vengono consegnati ai passeggeri entro tempi "ragionevoli".

La proposta, se resa definitiva dopo un lungo processo di scrittura del regolamento, richiederebbe anche rimborsi tempestivi per le spese extra come l'accesso a Internet se la compagnia aerea non fornisce il servizio durante il volo.

Se approvata, la proposta potrebbe entrare in vigore entro la prossima estate, ha aggiunto il funzionario.

La proposta richiederà rimborsi se le compagnie aeree non consegnano un bagaglio entro 12 ore dall'atterraggio del volo statunitense del passeggero o entro 25 ore da un volo internazionale.

Le normative vigenti richiedono rimborsi solo in caso di smarrimento dei bagagli, sebbene le compagnie aeree debbano risarcire i passeggeri per le spese accessorie "ragionevoli" sostenute durante il ritardo dei bagagli. Il governo non sa quanto spesso le compagnie aeree mantengano le tasse anche quando i bagagli sono in notevole ritardo.

La proposta sulla tariffa per il bagaglio è la prima di una serie di regolamenti sui consumatori delle compagnie aeree provenienti dall'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden in base a un ordine esecutivo che il presidente firmerà presto, secondo un alto funzionario del Dipartimento dei trasporti (DOT), che ha parlato a condizione di anonimato per discutere una proposta che non è stata resa pubblica. L'ordine sarà progettato per aumentare la concorrenza e dare ai consumatori più potere, ha affermato il funzionario.

L'anno scorso, più di 100,000 consumatori si sono lamentati con il governo del servizio aereo. I rimborsi sono stati il ​​problema più grande, anche se la maggior parte delle compagnie aeree dichiarate ha rifiutato di concedere rimborsi ai consumatori che hanno annullato i viaggi a causa della pandemia. Il dipartimento dei trasporti chiede una multa di 25.5 milioni di dollari contro Air Canada, ma non ha preso provvedimenti contro altri vettori per i rimborsi per i voli cancellati.

Nel 2019, l'ultimo anno prima della pandemia, i passeggeri hanno pagato alle compagnie aeree statunitensi 5.76 miliardi di dollari di tasse sui bagagli registrati, secondo il Dipartimento dei trasporti. L'anno scorso è sceso a 2.84 miliardi di dollari, quando i viaggi sono crollati a causa della pandemia. Le cifre non includono le spese per i bagagli a mano.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Harry Johnson

Harry Johnson è stato il redattore degli incarichi per eTurboNews per quasi 20 anni.
Harry vive a Honolulu, Hawaii ed è originario dell'Europa.
Ama scrivere e ha ricoperto il ruolo di redattore dei compiti per eTurboNews.