Compagnie Aeree · XNUMX€ Aeroporto · XNUMX€ Aviation · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ Crociera · XNUMX€ Health News · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Hotel e resort · XNUMX€ Notizie di lusso · XNUMX€ News · XNUMX€ Viaggio in treno · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Resort · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Turismo Talk · XNUMX€ Trasporti in Damanhur · XNUMX€ Segreti di viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ Ultime notizie dagli USA · XNUMX€ Notizie varie

L'industria dei viaggi negli Stati Uniti dovrebbe colmare le lacune di fiducia nella trasparenza dei prezzi e nella sicurezza del COVID-19

L'industria dei viaggi negli Stati Uniti dovrebbe colmare le lacune di fiducia nella trasparenza dei prezzi e nella sicurezza del COVID-19
L'industria dei viaggi negli Stati Uniti dovrebbe colmare le lacune di fiducia nella trasparenza dei prezzi e nella sicurezza del COVID-19
Scritto da Harry Johnson

Negli Stati Uniti, i due fattori più importanti per costruire la fiducia dei consumatori nelle agenzie di viaggio e nei fornitori di viaggi, come le compagnie aeree, sono "nessun costo nascosto" e "prodotti completamente flessibili o rimborsabili".

Stampa Friendly, PDF e Email
  • La maggior parte dei viaggiatori statunitensi che hanno partecipato allo studio ha affermato che l'industria dei viaggi ha fatto bene nell'attuazione delle misure di salute e sicurezza relative al COVID-19.
  • Il 35% dei viaggiatori statunitensi ha dichiarato di ritenere che attualmente le compagnie di viaggio utilizzino le proprie informazioni personali nel modo corretto.
  • La ricerca ha anche scoperto prove che la fiducia influenza direttamente il comportamento di acquisto.

Secondo una nuova ricerca indipendente, l'industria dei viaggi può stimolare la ripresa globale affrontando le lacune nella fiducia dei consumatori in termini di trasparenza dei prezzi, misure di salute e sicurezza COVID-19, privacy dei dati e credibilità delle informazioni.

Le quattro lacune nella fiducia

  1. Trasparenza dei prezzi

Lo studio su 11,000 viaggiatori in 10 paesi, di cui 1,000 negli Stati Uniti, è stato condotto da Edelman Data & Intelligence (DxI), il braccio di ricerca e analisi di Edelman, che studia la fiducia da oltre 20 anni attraverso l'Edelman Trust Barometer. Negli Stati Uniti, ha rivelato che i due fattori più importanti per costruire la fiducia dei consumatori nelle agenzie di viaggio e nei fornitori di viaggi, come le compagnie aeree, sono "nessun costo nascosto" (64%) e "prodotti completamente flessibili o rimborsabili" (55%). Sfortunatamente, la maggior parte dei viaggiatori attualmente ritiene che le prestazioni del settore in entrambe queste aree siano scarse (rispettivamente 67% e 61%). I viaggiatori statunitensi sono stati tra i più delusi al mondo, con un significativo divario di 31 e 16 punti percentuali tra importanza e prestazioni rispettivamente su questi due punti.

2. Salute e sicurezza contro il COVID-19

La maggior parte (52%) dei viaggiatori statunitensi che hanno partecipato allo studio ha affermato che l'industria dei viaggi ha ottenuto buoni risultati nell'attuazione delle misure di salute e sicurezza relative al COVID-19. In futuro, tuttavia, circa la metà ha affermato di volere maggiori rassicurazioni sulla solidità con cui vengono applicate alcune misure, in particolare, il miglioramento della filtrazione dell'aria, il distanziamento sociale e la gestione dell'imbarco e delle code.

3. Privacy dei dati

La privacy dei dati è stata un'altra questione chiave evidenziata dalla ricerca. Meno di quattro viaggiatori su 10 negli Stati Uniti (35%, rispetto al 40% a livello globale) hanno riferito di ritenere che attualmente le compagnie di viaggio utilizzino le proprie informazioni personali nel modo corretto. A livello globale, questo è stato particolarmente evidente tra gli intervistati Baby Boomers (33%) e Gen Z (36%).

Quando si tratta di utilizzare le informazioni per personalizzare le esperienze, i viaggiatori negli Stati Uniti hanno affermato di essere più a loro agio con le aziende che utilizzano i dati che hanno condiviso attivamente con loro attraverso conversazioni one-to-one (46%), comportamenti di prenotazione precedenti (44%) e attività di fidelizzazione (44%). Sono meno a loro agio, tuttavia, quando le informazioni provengono indirettamente, ad esempio attraverso l'attività dei social media (26%), i registri pubblici come i punteggi di credito (31%) e il comportamento passato di acquisti, ricerche e prenotazioni con altre società (35%).

4. Credibilità delle informazioni

Secondo la ricerca, la fonte più attendibile di informazioni relative ai viaggi che i viaggiatori negli Stati Uniti utilizzano durante la ricerca di un viaggio sono quelli percepiti con interessi allineati: amici e famiglia (73%), con la seconda fonte più affidabile di siti Web di recensioni molto indietro (46%). Al contrario, i meno fidati sono quelli con un chiaro interesse alla vendita, come gli influencer dei social media (23%) e le celebrità (19%). Ancora una volta, la Gen Z si è rivelata la meno fiduciosa in quasi tutte le categorie a livello globale.

Una storia simile si è verificata esaminando la fiducia in diversi tipi di informazioni relative ai viaggi. Le valutazioni dei clienti (52%) e le recensioni scritte dei clienti (46%) sono tra le più affidabili tra i viaggiatori negli Stati Uniti. Tuttavia, la certificazione di terze parti (34%), le foto di prodotti come le camere d'albergo fornite dalle compagnie di viaggio (37%) e le valutazioni di terze parti come i sistemi di stelle degli hotel (39%) si sono rivelate le meno affidabili. 

Abilitazione della vendita al dettaglio

Oltre a identificare le lacune nella fiducia, la ricerca ha anche scoperto prove che la fiducia influenza direttamente il comportamento di acquisto. A causa del COVID-19, quasi la metà (49%) dei viaggiatori statunitensi di oggi, ad esempio, ha dimostrato di dare la priorità alla fiducia rispetto a tutti gli altri fattori nella scelta di un fornitore di viaggi. Molti viaggiatori hanno anche affermato che quando la fiducia è in atto, prenderanno in considerazione l'acquisto di più articoli relativi ai viaggi (50%), l'aggiornamento del loro pacchetto (40%) e l'acquisto di articoli non correlati ai viaggi come le carte di credito (29%).

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Harry Johnson

Harry Johnson è stato il redattore degli incarichi per eTurboNews per quasi 20 anni.
Harry vive a Honolulu, Hawaii ed è originario dell'Europa.
Ama scrivere e ha ricoperto il ruolo di redattore dei compiti per eTurboNews.