Leggici | Ascoltaci | Guardaci | Registrati Eventi live | Disattiva gli annunci | Dal Vivo |

Fai clic sulla tua lingua per tradurre questo articolo:

Afrikaans Afrikaans Albanian Albanian Amharic Amharic Arabic Arabic Armenian Armenian Azerbaijani Azerbaijani Basque Basque Belarusian Belarusian Bengali Bengali Bosnian Bosnian Bulgarian Bulgarian Cebuano Cebuano Chichewa Chichewa Chinese (Simplified) Chinese (Simplified) Corsican Corsican Croatian Croatian Czech Czech Dutch Dutch English English Esperanto Esperanto Estonian Estonian Filipino Filipino Finnish Finnish French French Frisian Frisian Galician Galician Georgian Georgian German German Greek Greek Gujarati Gujarati Haitian Creole Haitian Creole Hausa Hausa Hawaiian Hawaiian Hebrew Hebrew Hindi Hindi Hmong Hmong Hungarian Hungarian Icelandic Icelandic Igbo Igbo Indonesian Indonesian Italian Italian Japanese Japanese Javanese Javanese Kannada Kannada Kazakh Kazakh Khmer Khmer Korean Korean Kurdish (Kurmanji) Kurdish (Kurmanji) Kyrgyz Kyrgyz Lao Lao Latin Latin Latvian Latvian Lithuanian Lithuanian Luxembourgish Luxembourgish Macedonian Macedonian Malagasy Malagasy Malay Malay Malayalam Malayalam Maltese Maltese Maori Maori Marathi Marathi Mongolian Mongolian Myanmar (Burmese) Myanmar (Burmese) Nepali Nepali Norwegian Norwegian Pashto Pashto Persian Persian Polish Polish Portuguese Portuguese Punjabi Punjabi Romanian Romanian Russian Russian Samoan Samoan Scottish Gaelic Scottish Gaelic Serbian Serbian Sesotho Sesotho Shona Shona Sindhi Sindhi Sinhala Sinhala Slovak Slovak Slovenian Slovenian Somali Somali Spanish Spanish Sudanese Sudanese Swahili Swahili Swedish Swedish Tajik Tajik Tamil Tamil Thai Thai Turkish Turkish Ukrainian Ukrainian Urdu Urdu Uzbek Uzbek Vietnamese Vietnamese Xhosa Xhosa Yiddish Yiddish Zulu Zulu

Una lunga strada per la ripresa attende i viaggi d'affari

In assenza di una guida chiara e coerente da parte delle autorità sanitarie federali sulle PME, non si prevede che i viaggi di lavoro recuperino il volume pre-pandemia per altri due anni.

Stampa Friendly, PDF e Email
  • I viaggi in generale sono di gran lunga l'industria statunitense più colpita dalle ricadute in corso della pandemia di COVID-19.
  • La spesa per i viaggi per grandi riunioni ed eventi professionali di persona è diminuita del 76% lo scorso anno.
  • Si prevede che i viaggi di piacere nazionali raggiungeranno il 99% del loro picco pre-pandemia nel 2022 e da allora in poi cresceranno costantemente.

Le persistenti restrizioni COVID e un approccio patchwork alla riapertura in tutto il paese impediranno al segmento dei viaggi d'affari economicamente cruciale di riprendersi almeno fino al 2024, secondo un'analisi di economia del turismo pubblicata martedì dal US Travel Association.

I viaggi in generale sono di gran lunga l'industria statunitense più colpita dalle ricadute in corso della pandemia di COVID-19. La spesa per i viaggi per grandi riunioni ed eventi professionali di persona (PME) è diminuita del 76% lo scorso anno, una perdita di spesa di 97 miliardi di dollari.

Con l'andamento favorevole delle vaccinazioni e dei tassi di infezione negli Stati Uniti, le restrizioni abbassate e la fiducia dei viaggiatori in ripresa, si prevede che i viaggi di piacere nazionali raggiungeranno il 99% del loro picco pre-pandemia nel 2022 e cresceranno costantemente in seguito.

Ma in assenza di una guida chiara e coerente da parte delle autorità sanitarie federali sulle PME, non si prevede che i viaggi di lavoro recuperino il volume pre-pandemia per altri due anni. Solo circa un terzo (35%) delle aziende statunitensi è attualmente impegnato in viaggi di lavoro.

Secondo l'analisi, uno sbalorditivo 65% di tutti i posti di lavoro persi negli Stati Uniti nel 2020 sono stati sostenuti dai viaggi e non possono riprendersi completamente senza un rapido ritorno di tutti i segmenti di viaggio, in particolare le PME di persona.

Uno dei principali fattori del lento ritorno delle PME è il mosaico irregolare di linee guida che attualmente governa i grandi raduni da giurisdizione a giurisdizione a livello nazionale. US Travel sta sollecitando l'adozione di una guida federale chiara e coerente e che riconosca che le misure di salute e sicurezza possono essere implementate più facilmente nelle PME rispetto ad altre forme di grandi raduni.

I principali scienziati sanitari della Ohio State University hanno anche pubblicato oggi un white paper che include un'analisi basata sull'evidenza, incentrata su una revisione scientifica delle misure comprovate di salute e sicurezza comprovate nell'ultimo anno, che mostra che è sicuro tornare a condurre e frequentare PME.

Stampa Friendly, PDF e Email