Leggici | Ascoltaci | Guardaci | Registrati Eventi live | Disattiva gli annunci | Dal Vivo |

Fai clic sulla tua lingua per tradurre questo articolo:

Afrikaans Afrikaans Albanian Albanian Amharic Amharic Arabic Arabic Armenian Armenian Azerbaijani Azerbaijani Basque Basque Belarusian Belarusian Bengali Bengali Bosnian Bosnian Bulgarian Bulgarian Catalan Catalan Cebuano Cebuano Chichewa Chichewa Chinese (Simplified) Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Chinese (Traditional) Corsican Corsican Croatian Croatian Czech Czech Danish Danish Dutch Dutch English English Esperanto Esperanto Estonian Estonian Filipino Filipino Finnish Finnish French French Frisian Frisian Galician Galician Georgian Georgian German German Greek Greek Gujarati Gujarati Haitian Creole Haitian Creole Hausa Hausa Hawaiian Hawaiian Hebrew Hebrew Hindi Hindi Hmong Hmong Hungarian Hungarian Icelandic Icelandic Igbo Igbo Indonesian Indonesian Irish Irish Italian Italian Japanese Japanese Javanese Javanese Kannada Kannada Kazakh Kazakh Khmer Khmer Korean Korean Kurdish (Kurmanji) Kurdish (Kurmanji) Kyrgyz Kyrgyz Lao Lao Latin Latin Latvian Latvian Lithuanian Lithuanian Luxembourgish Luxembourgish Macedonian Macedonian Malagasy Malagasy Malay Malay Malayalam Malayalam Maltese Maltese Maori Maori Marathi Marathi Mongolian Mongolian Myanmar (Burmese) Myanmar (Burmese) Nepali Nepali Norwegian Norwegian Pashto Pashto Persian Persian Polish Polish Portuguese Portuguese Punjabi Punjabi Romanian Romanian Russian Russian Samoan Samoan Scottish Gaelic Scottish Gaelic Serbian Serbian Sesotho Sesotho Shona Shona Sindhi Sindhi Sinhala Sinhala Slovak Slovak Slovenian Slovenian Somali Somali Spanish Spanish Sudanese Sudanese Swahili Swahili Swedish Swedish Tajik Tajik Tamil Tamil Telugu Telugu Thai Thai Turkish Turkish Ukrainian Ukrainian Urdu Urdu Uzbek Uzbek Vietnamese Vietnamese Welsh Welsh Xhosa Xhosa Yiddish Yiddish Yoruba Yoruba Zulu Zulu

Google: Siamo spiacenti, la lingua kannada NON è la "più brutta dell'India"

Google: Siamo spiacenti, la lingua kannada non è la "più brutta dell'India"
Google: Siamo spiacenti, la lingua kannada non è la "più brutta dell'India"
Scritto da Harry Johnson

Digitare "la lingua più brutta dell'India" nel motore di ricerca di Google ha restituito "Kannada", una lingua parlata da oltre 40 milioni di persone, prevalentemente nello stato indiano sudoccidentale del Karnataka.

  • Google costretto a scusarsi con lo stato indiano del Karnataka
  • Google ha corretto il risultato di ricerca poco lusinghiero
  • I funzionari indiani definiscono inaccettabile l'"errore" di Google

Di recente, la multinazionale americana di tecnologia Google è stata attaccata dopo che è stato scoperto che digitando "la lingua più brutta dell'India" nel suo motore di ricerca è tornato "Kannada", una lingua parlata da oltre 40 milioni di persone, prevalentemente nello stato indiano sudoccidentale del Karnataka. 

Il gigante della tecnologia statunitense è stato costretto a scusarsi dopo una furiosa protesta da parte dei funzionari dello stato del Karnataka.

La dura designazione catturò presto l'attenzione dei funzionari di Bangalore, la capitale dello stato, che persero poco tempo nel denunciare Google per aver offeso la loro lingua ufficiale.

“La lingua kannada ha una sua storia, essendo nata ben 2,500 anni fa! È stato l'orgoglio di Kannadigas in tutti questi due millenni e mezzo”, ha dichiarato furibondo Arvind Limbavali, ministro delle foreste del Karnataka. 

Ha chiesto scuse a Google "ASAP" per aver insultato lo stato e la sua lingua e ha anche minacciato un'azione legale contro il gigante della Silicon Valley. 

PC Mohan, un parlamentare che rappresenta Bangalore (noto anche come Bengaluru) Central, è stato altrettanto indignato, osservando che il kannada ha un "ricco patrimonio" ed è una delle lingue più antiche del mondo.

"Kannada aveva grandi studiosi che scrivevano poemi epici molto prima che Geoffrey Chaucer nascesse nel 14° secolo", ha twittato il legislatore. 

Un'altra figura politica dello stato, HD Kumaraswamy, ex primo ministro del Karnataka, ha affermato che l'"errore" di Google è inaccettabile.

“Nessuna lingua è cattiva. Tutte le lingue sono belle», ha commentato.

Rispondendo al furioso contraccolpo, Google ha corretto il risultato di ricerca poco lusinghiero e si è scusato. La società ha riconosciuto che la sua funzione di ricerca a volte viene confusa e che "il modo in cui il contenuto è descritto su Internet può produrre risultati sorprendenti per query specifiche".

"Naturalmente, questi non riflettono le opinioni di Google e ci scusiamo per l'incomprensione e per aver ferito qualsiasi sentimento", ha sottolineato la società, aggiungendo che stava continuamente lavorando per migliorare i suoi algoritmi.