Leggici | Ascoltaci | Guardaci | Registrati Eventi live | Disattiva gli annunci | Dal Vivo |

Fai clic sulla tua lingua per tradurre questo articolo:

Afrikaans Afrikaans Albanian Albanian Amharic Amharic Arabic Arabic Armenian Armenian Azerbaijani Azerbaijani Basque Basque Belarusian Belarusian Bengali Bengali Bosnian Bosnian Bulgarian Bulgarian Cebuano Cebuano Chichewa Chichewa Chinese (Simplified) Chinese (Simplified) Corsican Corsican Croatian Croatian Czech Czech Dutch Dutch English English Esperanto Esperanto Estonian Estonian Filipino Filipino Finnish Finnish French French Frisian Frisian Galician Galician Georgian Georgian German German Greek Greek Gujarati Gujarati Haitian Creole Haitian Creole Hausa Hausa Hawaiian Hawaiian Hebrew Hebrew Hindi Hindi Hmong Hmong Hungarian Hungarian Icelandic Icelandic Igbo Igbo Indonesian Indonesian Italian Italian Japanese Japanese Javanese Javanese Kannada Kannada Kazakh Kazakh Khmer Khmer Korean Korean Kurdish (Kurmanji) Kurdish (Kurmanji) Kyrgyz Kyrgyz Lao Lao Latin Latin Latvian Latvian Lithuanian Lithuanian Luxembourgish Luxembourgish Macedonian Macedonian Malagasy Malagasy Malay Malay Malayalam Malayalam Maltese Maltese Maori Maori Marathi Marathi Mongolian Mongolian Myanmar (Burmese) Myanmar (Burmese) Nepali Nepali Norwegian Norwegian Pashto Pashto Persian Persian Polish Polish Portuguese Portuguese Punjabi Punjabi Romanian Romanian Russian Russian Samoan Samoan Scottish Gaelic Scottish Gaelic Serbian Serbian Sesotho Sesotho Shona Shona Sindhi Sindhi Sinhala Sinhala Slovak Slovak Slovenian Slovenian Somali Somali Spanish Spanish Sudanese Sudanese Swahili Swahili Swedish Swedish Tajik Tajik Tamil Tamil Thai Thai Turkish Turkish Ukrainian Ukrainian Urdu Urdu Uzbek Uzbek Vietnamese Vietnamese Xhosa Xhosa Yiddish Yiddish Zulu Zulu

CIO: COVID o no COVID, le Olimpiadi di Tokyo del 2020 sono a portata di mano

Il Comitato Olimpico Internazionale ha annunciato che i ritardati Giochi Olimpici di Tokyo del 2020 procederanno come previsto, nonostante la capitale giapponese sia attualmente in stato di emergenza.

Stampa Friendly, PDF e Email
  • L'80% del pubblico giapponese è contrario alle Olimpiadi che inizieranno il 23 luglio
  • Il CIO non prenderà in considerazione un secondo rinvio o addirittura l'annullamento dei Giochi
  • Solo il 5% circa degli oltre 35 milioni di anziani giapponesi ha ancora ricevuto una prima dose di vaccino

Con una media giornaliera di quasi 5,500 nuovi casi di COVID-19 attualmente segnalati in Giappone, alcune serie preoccupazioni sono state sollevate nelle ultime settimane circa la saggezza di organizzare l'evento olimpico a Tokyo, che rimane una delle nove prefetture giapponesi che hanno dichiarato un stato di emergenza almeno fino al 31 maggio. 

Il progetto Comitato Olimpico Internazionale (CIO) ha annunciato che i Giochi olimpici ritardati di questa estate procederanno come previsto, nonostante la capitale giapponese sia attualmente in stato di emergenza e la crescente opposizione da parte dei residenti del paese.

Secondo i recenti sondaggi, ben l'80% del pubblico giapponese è contrario alle Olimpiadi che inizieranno il 23 luglio. Ma il CIO è fermo e afferma che non prenderà in considerazione un secondo rinvio o addirittura l'annullamento dei Giochi.

"Abbiamo visto con successo cinque sport tenere i loro eventi di prova durante lo stato di emergenza", ha detto il vicepresidente del CIO John Coates.

“Tutti i piani che abbiamo in atto per proteggere la sicurezza e l'incolumità degli atleti e del popolo giapponese si basano sulle peggiori circostanze possibili, quindi la risposta [se le Olimpiadi possono procedere in uno stato di emergenza] è assolutamente sì.

"Il consiglio che abbiamo ricevuto dall'Organizzazione mondiale della sanità e tutti i pareri scientifici è che tutte le misure che abbiamo delineato nel playbook, tutte quelle misure sono soddisfacenti per garantire un gioco sicuro e protetto in termini di salute, e questo è se ci è uno stato di emergenza o no. "

Facendo riferimento all'ondata di opposizione pubblica a tenere l'evento contro la volontà collettiva del pubblico giapponese, Coates ha affermato che l'aumento delle vaccinazioni tra oggi e luglio farà molto per mettere a proprio agio la mente del pubblico.

Stampa Friendly, PDF e Email