Nessun piano di emergenza: ATCEUC rilascia un'istantanea sulla gestione del traffico aereo in Europa

Leggici | Ascoltaci | Guardaci | Registrati Iscriviti al nostro YOUTUBE |


Afrikaans Afrikaans Albanian Albanian Amharic Amharic Arabic Arabic Armenian Armenian Azerbaijani Azerbaijani Basque Basque Belarusian Belarusian Bengali Bengali Bosnian Bosnian Bulgarian Bulgarian Cebuano Cebuano Chichewa Chichewa Chinese (Simplified) Chinese (Simplified) Corsican Corsican Croatian Croatian Czech Czech Dutch Dutch English English Esperanto Esperanto Estonian Estonian Filipino Filipino Finnish Finnish French French Frisian Frisian Galician Galician Georgian Georgian German German Greek Greek Gujarati Gujarati Haitian Creole Haitian Creole Hausa Hausa Hawaiian Hawaiian Hebrew Hebrew Hindi Hindi Hmong Hmong Hungarian Hungarian Icelandic Icelandic Igbo Igbo Indonesian Indonesian Italian Italian Japanese Japanese Javanese Javanese Kannada Kannada Kazakh Kazakh Khmer Khmer Korean Korean Kurdish (Kurmanji) Kurdish (Kurmanji) Kyrgyz Kyrgyz Lao Lao Latin Latin Latvian Latvian Lithuanian Lithuanian Luxembourgish Luxembourgish Macedonian Macedonian Malagasy Malagasy Malay Malay Malayalam Malayalam Maltese Maltese Maori Maori Marathi Marathi Mongolian Mongolian Myanmar (Burmese) Myanmar (Burmese) Nepali Nepali Norwegian Norwegian Pashto Pashto Persian Persian Polish Polish Portuguese Portuguese Punjabi Punjabi Romanian Romanian Russian Russian Samoan Samoan Scottish Gaelic Scottish Gaelic Serbian Serbian Sesotho Sesotho Shona Shona Sindhi Sindhi Sinhala Sinhala Slovak Slovak Slovenian Slovenian Somali Somali Spanish Spanish Sudanese Sudanese Swahili Swahili Swedish Swedish Tajik Tajik Tamil Tamil Thai Thai Turkish Turkish Ukrainian Ukrainian Urdu Urdu Uzbek Uzbek Vietnamese Vietnamese Xhosa Xhosa Yiddish Yiddish Zulu Zulu

La maggior parte delle entrate eccedenti è stata restituita agli utenti dello spazio aereo nell'anno n + 2 senza alcun effetto sui pagatori effettivi (perché, come afferma debitamente EUROCONTROL. "Le compagnie aeree raccolgono i costi" di rotta "e le tariffe aeroportuali, in modo che alla fine paghi il passeggero, o lo spedizioniere di merci") ma solo sui rendiconti finanziari degli utenti dello spazio aereo. 

666

Il meccanismo di cui sopra ha impedito agli ANSP di salvare quei fondi che avrebbero potuto essere utili in una crisi sistemica come quella attuale e di conseguenza gli Stati sono stati costretti, ove possibile, a finanziare gli ANSP per mantenere la loro capacità infrastrutturale durante la crisi. 

Ora che il vento è cambiato e gli utenti dello spazio aereo sono invitati a chiedere ai passeggeri e agli spedizionieri una tariffa leggermente più alta per continuare a volare nel cielo europeo sicuro, piangono chiedendo ulteriori tagli ai costi e guadagni di efficienza che, se possibile, aiuteranno solo in brevissimo tempo ma lasceranno i fornitori di servizi di navigazione aerea prossimi al fallimento operativo nel medio periodo. 

Come abbiamo visto in precedenza, nel recente passato i costi effettivi non sono aumentati come il traffico e questa è stata una delle cause che ha portato al "Capacità crunch" sperimentato nel 2018 e nel 2019. 

Ora, per le stesse e speculari ragioni, i costi non possono essere ridotti al di sotto di una certa soglia. ATM Infrastructure ha dimostrato il suo ruolo fondamentale nel mantenere la coesione tra gli Stati membri anche in caso di mancanza di traffico "commerciale" e ora deve essere "Fornitura crunch" non appena il traffico torna al livello pre-covid. 

Per evitare che ciò accada, si dovrebbe tenere conto sia del graduale ritorno del traffico aereo che della necessità per i fornitori di servizi di navigazione aerea di garantire la capacità richiesta "crisi"E la nostra opinione è che il quadro giuridico ora all'esame della commissione per i ricorsi deve garantire che tutte le parti interessate nel settore dell'aviazione abbiano i mezzi necessari per sostenere la coesione tra i cittadini europei, la loro sicurezza e il loro stile di vita. 

In considerazione di quanto sopra, l'ATCEUC chiede ai responsabili della valutazione e del voto di qualsiasi proposta sul futuro del sistema ATM, compreso il suo finanziamento, di guardare con molta attenzione alle conseguenze a medio e lungo termine delle loro decisioni, sia a livello nazionale che a livello nazionale. livello paneuropeo. 

Il coordinamento dei sindacati europei dei controllori del traffico aereo (ATCEUC) è stato creato nel 1989 ed è attualmente composto da 32 sindacati professionali e autonomi che rappresentano più di 14000 controllori del traffico aereo (ATCO) e personale elettronico per la sicurezza del traffico aereo (ATSEP) in tutta Europa. ATCEUC fa parte del "Dialogo sociale settoriale dell'Unione europea - Aviazione civile" nel campo della gestione del traffico aereo ed è riconosciuto come membro a pieno titolo dell'ICB. ATCEUC con i suoi esperti partecipa a ogni gruppo di lavoro in cui la voce dei suoi membri può e deve essere espressa: SESAR JU, TSG, EGHD, EASA STeB, EASC, ASPReT, ATM Partners e altri workshop o programmi nell'ambito di EUROCONTROL e Commissione europea. 

Stampa Friendly, PDF e Email