Progetto Auto

Leggici | Ascoltaci | Guardaci | Registrati Eventi live | Disattiva gli annunci | Dal Vivo |

Fai clic sulla tua lingua per tradurre questo articolo:

Afrikaans Afrikaans Albanian Albanian Amharic Amharic Arabic Arabic Armenian Armenian Azerbaijani Azerbaijani Basque Basque Belarusian Belarusian Bengali Bengali Bosnian Bosnian Bulgarian Bulgarian Catalan Catalan Cebuano Cebuano Chichewa Chichewa Chinese (Simplified) Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Chinese (Traditional) Corsican Corsican Croatian Croatian Czech Czech Danish Danish Dutch Dutch English English Esperanto Esperanto Estonian Estonian Filipino Filipino Finnish Finnish French French Frisian Frisian Galician Galician Georgian Georgian German German Greek Greek Gujarati Gujarati Haitian Creole Haitian Creole Hausa Hausa Hawaiian Hawaiian Hebrew Hebrew Hindi Hindi Hmong Hmong Hungarian Hungarian Icelandic Icelandic Igbo Igbo Indonesian Indonesian Irish Irish Italian Italian Japanese Japanese Javanese Javanese Kannada Kannada Kazakh Kazakh Khmer Khmer Korean Korean Kurdish (Kurmanji) Kurdish (Kurmanji) Kyrgyz Kyrgyz Lao Lao Latin Latin Latvian Latvian Lithuanian Lithuanian Luxembourgish Luxembourgish Macedonian Macedonian Malagasy Malagasy Malay Malay Malayalam Malayalam Maltese Maltese Maori Maori Marathi Marathi Mongolian Mongolian Myanmar (Burmese) Myanmar (Burmese) Nepali Nepali Norwegian Norwegian Pashto Pashto Persian Persian Polish Polish Portuguese Portuguese Punjabi Punjabi Romanian Romanian Russian Russian Samoan Samoan Scottish Gaelic Scottish Gaelic Serbian Serbian Sesotho Sesotho Shona Shona Sindhi Sindhi Sinhala Sinhala Slovak Slovak Slovenian Slovenian Somali Somali Spanish Spanish Sudanese Sudanese Swahili Swahili Swedish Swedish Tajik Tajik Tamil Tamil Telugu Telugu Thai Thai Turkish Turkish Ukrainian Ukrainian Urdu Urdu Uzbek Uzbek Vietnamese Vietnamese Welsh Welsh Xhosa Xhosa Yiddish Yiddish Yoruba Yoruba Zulu Zulu

Il punto di vista del CEO di British Airways sul futuro dell'aviazione

Il punto di vista del CEO di British Airways sul futuro dell'aviazione
Il punto di vista del CEO di British Airways sul futuro dell'aviazione

In un'intervista dal vivo, il CEO di British Airways, Sean Doyle, parla del futuro della compagnia aerea e dell'industria dell'aviazione in generale in questo mondo non ancora post-pandemico.

  1. Non abbiamo mai visto nulla di simile nell'aviazione con gli effetti di COVID-19. Prima di questo, abbiamo avuto l'9 settembre, il che non è stato così drammatico in confronto.
  2. In una sola estate, le compagnie aeree hanno dovuto operare a un incredibile 5% della loro capacità.
  3. Dire che sarà competitivo là fuori è un eufemismo.

Qual è l'opinione del CEO di British Airways sul futuro dell'aviazione quando si tratta della sua concorrenza con altre grandi compagnie aeree in Europa?

Leggi sull'aviazione dal punto di vista del CEO di British Airways Sean Doyle mentre viene intervistato da Peter Harbison, presidente emerito di  CAPA - Center for Aviation - oppure fai clic sul link e siediti e ascoltalo.

Peter Harbison:

... in particolare per la posizione di cassa e per i diversi approcci adottati dai governi in Europa, entrambi i vostri principali vettori a servizio completo in Europa sono stati sostanzialmente, per usare un termine crudo, salvati dai loro governi in larga misura. E so che Willy Walsh in precedenza aveva detto che nessuna delle compagnie aeree avrebbe dovuto essere salvata. C'è stato un po 'di supporto per British Airways ma più recentemente in particolare. In che modo influisce sulla tua posizione competitiva con gli altri due dei tre principali in Europa?

Sean Doyle:

Bene, penso che la prima cosa che vorrei dire è che, allo IAG, siamo stati molto veloci ad agire sull'auto-aiuto, e penso che si sia concentrato su tre o quattro flussi diversi. Penso che il primo sia uscire e raccogliere liquidità nel settore commerciale nel miglior modo possibile, e ci siamo riusciti. Abbiamo avuto un problema di diritti, siamo andati ai mercati obbligazionari e poi abbiamo effettivamente attinto ad alcune strutture governative sotto forma di UKEF per British Airways per un importo di due miliardi prima di Natale, e Iberia, Vueling e Aer Lingus hanno effettivamente perseguito simili percorsi. Quindi penso che il credito disponibile a condizioni commerciali fosse uno dei tipi di flussi che stavamo cercando di essere abilitati, e ci siamo avvalsi di questo. Penso che la seconda cosa sia stata riconoscere la gravità della situazione e cambiare la tua attività abbastanza rapidamente, e penso che sia British Airways, Aer Lingus e altre compagnie aeree del gruppo lo abbiano fatto.