Editoriale · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Health News · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Investimenti · XNUMX€ Cosa ce di nuovo · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Sudan Ultime notizie · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Segreti di viaggio · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Ultime notizie nel Regno Unito · XNUMX€ Ultime notizie dagli USA · XNUMX€ Notizie varie

Primi vaccini COVAX in Africa: giusti ed equi?

vaccino 2
Banca dati COVID-19 ad accesso aperto dell'OMS
Scritto da Galileo Violini

Questi singoli casi isolati di vaccini ricevuti in Africa sono un fatto oltraggioso considerando che la maggior parte dei paesi ancora in attesa di ricevere i vaccini è africana?

Stampa Friendly, PDF e Email
  1. La questione dell'equa distribuzione dei vaccini è il più grande test morale che la comunità globale deve affrontare.
  2. Una distribuzione fortemente diseguale aumenta il contagio nei paesi che li ricevono in quantità minore o nulla, e questo favorisce l'emergere di nuove mutazioni.
  3. L'impatto sulla conseguente diffusione del contagio potrebbe mettere a repentaglio l'effetto delle politiche vaccinali dei Paesi più ricchi.

Quasi tre mesi dopo le prime vaccinazioni nel Regno Unito, ci sono state ottime notizie per l'Africa che ieri il Sudan ha ricevuto la sua prima consegna di 900,000 dosi. Questo è stato coordinato dall'UNICEF nel quadro del programma COVAX. Un'altra buona notizia è l'annuncio che domani l'Uganda riceverà il suo primo lotto di 854,000 dosi, che fanno anche parte dei 3.5 milioni che si aspetta di ricevere nel quadro di quel programma.

Questa buona e tanto attesa notizia non consente di mettere sotto il tappeto la disparità dell'offerta di vaccini, che è principalmente conseguenza dell'accaparramento dei paesi più ricchi, della politica delle aziende farmaceutiche e di una debolezza dei paesi che lo fanno non interessano solo le nazioni a più basso reddito. Nel suo intervento sul web virale al Parlamento europeo, la signora Manon Aubry ha esteso l'accusa di debolezza all'Unione europea e al suo presidente, la signora Ursula van Leyden, e ha richiamato l'attenzione sulle troppe clausole sconosciute dei contratti sui vaccini.

Ci sono state diverse richieste di sospensione dei diritti di proprietà intellettuale (IPR) dei vaccini, almeno mentre la pandemia COVID-19 continua. L'organizzazione internazionale competente per questa materia è l'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) che nella riunione del suo Consiglio generale e dei suoi comitati, prevista dall'1 al 5 marzo, dovrebbe prendere una decisione sulla proposta dell'India e del Sud Africa che brevetta e altri diritti di proprietà intellettuale su farmaci, test diagnostici e vaccini contro COVID-19 devono essere sospesi per la durata della pandemia.

Questa proposta ha ricevuto il sostegno di Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e da Medici Senza Frontiere (MSF), il cui presidente internazionale, Christos Cristou, ha chiesto il sostegno del Presidente dell'Unione Europea e del Primo Ministro italiano, Mario Draghi, per l'approvazione della proposta. L'identificazione dei destinatari non è stata casuale. In effetti, i paesi europei costituiscono la grande maggioranza della minoranza degli Stati membri dell'OMC che si oppongono alla misura.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Galileo Violini