eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Ultime notizie del Madagascar · XNUMX€ Mauritius Ultime notizie · XNUMX€ Ultime notizie dal Mozambico · XNUMX€ News · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ Notizie varie

Papa Francesco si reca a Mauritius, Mozambico e Madagascar

Papa Francesco si reca a Mauritius, Mozambico e Madagascar
Scritto da Alain St.Ange

I Papa Francesco cattolicoIl tour delle tre nazioni è iniziato in Mozambico e terminerà nel isola di Mauritius. L'ultimo papa a visitare il Madagascar è stato Giovanni Paolo II 30 anni fa.

La visita del Papa alle Isole Vanilla e in Mozambico ha accresciuto la visibilità della regione e avrà i riflettori puntati sulle isole visitate per i mesi a venire.

ANTANANARIVO

Si stima che un milione di persone si siano radunate domenica allo stadio Soamandrakizay nella capitale del Madagascar per ascoltare la messa di Papa Francesco durante la seconda tappa del suo tour africano di tre nazioni.

La folla imponente aveva aspettato pazientemente, allungandosi in lontananza fin dalle prime ore, di vedere il papa, il primo pontefice a visitarlo in 30 anni.

"Gli organizzatori stimano che ci siano circa un milione di persone", ha detto un portavoce vaticano.

Gli organizzatori avevano detto in precedenza che si aspettavano circa un milione di partecipanti. Alcuni lo descrissero come il più grande raduno pubblico nella storia del Madagascar.

Molte persone indossavano berretti bianchi e gialli decorati dal papa - i colori del Vaticano, e hanno applaudito mentre il papa-mobile si faceva strada tra le nuvole di polvere rossa spazzate dal vento raccolte dal pavimento dello stadio.

Durante l'omelia il pontefice argentino li ha esortati a “costruire la storia in fraternità e solidarietà” e “nel pieno rispetto della terra e dei suoi doni, al contrario di ogni forma di sfruttamento”.

Si è espresso contro le "pratiche che portano alla cultura del privilegio e dell'esclusione" e ha criticato coloro che considerano la famiglia "il criterio decisivo per ciò che consideriamo giusto e buono".

"Quanto è difficile seguirlo (Gesù) se cerchiamo di identificare il regno dei cieli con la nostra agenda personale o ... abusare del nome di Dio o della religione per giustificare atti di violenza, segregazione e persino omicidio".

Dopo la messa il pontefice visiterà Akamasoa, città fondata dal sacerdote argentino padre Pedro, che ha sollevato dalla povertà migliaia di raccoglitori di rifiuti malgasci.

Domenica mattina presto, nella chiesa Andravoahangy di Antananarivo, il pastore Jean-Yves Ravoajanahary aveva informato 5,000 persone sul viaggio di due ore che avrebbero dovuto fare per arrivare allo stadio di Soamandrakizay.

“Divideremo i fedeli in gruppi di 1,000 perché la strada è molto pericolosa. In questo momento borseggiatori e banditi vogliono derubare la gente ", ha detto.

Uno ad uno i gruppi hanno iniziato il viaggio, rannicchiati insieme al freddo e cantando lodi alla Vergine Maria. Il traffico era bloccato.

Hery Saholimanana ha lasciato la sua casa nelle prime ore del mattino con tre membri della famiglia.

"Ho paura di arrivare dopo il limite di ingresso alle 6:00", ha detto lo studente di informatica di 23 anni, camminando a passo svelto.

Rado Niaina, 29 anni, ha detto di essere partito anche prima, alle 2 del mattino, per paura "di non trovare spazio".

Già venerdì in molti avevano allestito delle tende alla periferia della città, addobbate con i manifesti del pontefice.

Prospere Ralitason, un bracciante agricolo di 70 anni, è arrivato con circa 5,000 compagni di pellegrini dalla città centro-orientale di Ambatondrazaka, a 200 chilometri (125 miglia) di distanza.

"Siamo stanchi, ma vale la pena fare tutti questi sacrifici per vedere il papa con i nostri occhi e ricevere la sua benedizione", ha detto.

Migliaia di giovani - principalmente scout - si sono radunati per una veglia a Soamandrakizay sabato, aspettando per ore nel caldo che Francis arrivasse.

"Sono qui per chiedere la benedizione del papa per affrontare le dure realtà della vita, dell'insicurezza, della povertà e della corruzione", ha detto la studentessa diciassettenne Njara Raherimana.

"Tutto questo mi dà speranza di cambiamento nel mio paese", ha fatto eco un compagno di studi, Antony Christian Tovonalintsoa, ​​che vive alla periferia della capitale.

Durante la veglia, Papa Francesco ha lodato la “gioia e l'entusiasmo” della folla canora.

Ha incoraggiato i giovani a non cadere nell '"amarezza" oa non perdere la speranza, anche quando mancava il "minimo necessario" per cavarsela e quando "le opportunità educative erano insufficienti".

Sabato scorso, Francesco ha rivolto un appassionato appello ai malgasci affinché proteggano l'ambiente unico dell'Oceano Indiano da una "eccessiva deforestazione".

Settimane dopo un picco di incendi in Amazzonia, il pontefice argentino ha detto ai suoi ospiti che dovrebbero "creare posti di lavoro e attività redditizie che rispettino l'ambiente e aiutino le persone a sfuggire alla povertà".

Il Madagascar, famoso per la sua immensa diversità di flora e fauna, ospita 25 milioni di persone, la stragrande maggioranza delle quali vive in povertà con un reddito inferiore a due dollari al giorno.

Più della metà dei suoi giovani è senza lavoro, anche se molti hanno buone qualifiche.

L'ultimo papa a visitare il Madagascar è stato Giovanni Paolo II 30 anni fa.

Francesco ha anche visitato il Mozambico all'inizio della settimana e lunedì dovrebbe recarsi all'isola di Mauritius.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Alain St.Ange

Alain St Ange lavora nel settore del turismo dal 2009. È stato nominato direttore del marketing per le Seychelles dal presidente e ministro del turismo James Michel.

È stato nominato direttore del marketing per le Seychelles dal presidente e ministro del turismo James Michel. Dopo un anno di

Dopo un anno di servizio, è stato promosso alla posizione di CEO del Seychelles Tourism Board.

Nel 2012 è stata costituita l'Organizzazione regionale delle Isole Vaniglia dell'Oceano Indiano e St Ange è stata nominata primo presidente dell'organizzazione.

In un rimpasto di governo del 2012, St Ange è stato nominato Ministro del turismo e della cultura, che ha rassegnato le dimissioni il 28 dicembre 2016 per perseguire una candidatura a Segretario generale dell'Organizzazione mondiale del turismo.

All'Assemblea Generale dell'UNWTO a Chengdu in Cina, una persona ricercata per il "Circuito degli altoparlanti" per il turismo e lo sviluppo sostenibile era Alain St.Ange.

St.Ange è l'ex ministro del turismo, dell'aviazione civile, dei porti e della marina delle Seychelles che ha lasciato l'incarico nel dicembre dello scorso anno per candidarsi alla carica di segretario generale dell'UNWTO. Quando la sua candidatura o documento di approvazione è stato ritirato dal suo paese appena un giorno prima delle elezioni a Madrid, Alain St.Ange ha mostrato la sua grandezza come oratore quando si è rivolto al raduno UNWTO con grazia, passione e stile.

Il suo commovente discorso è stato registrato come uno dei migliori discorsi di marcatura in questo organismo internazionale delle Nazioni Unite.

I paesi africani ricordano spesso il suo discorso in Uganda per la East Africa Tourism Platform quando era un ospite d'onore.

In qualità di ex ministro del turismo, Sant'Ange era un oratore regolare e popolare ed è stato spesso visto parlare a forum e conferenze per conto del suo paese. La sua capacità di parlare "a braccio" è sempre stata vista come un'abilità rara. Ha detto spesso che parla dal cuore.

Alle Seychelles è ricordato per un discorso pronunciato all'inaugurazione ufficiale del Carnaval International de Victoria dell'isola quando ha ribadito le parole della famosa canzone di John Lennon… ”si può dire che sono un sognatore, ma non sono l'unico. Un giorno vi unirete tutti a noi e il mondo sarà migliore come uno ”. Il contingente di stampa mondiale riunito alle Seychelles quel giorno correva con le parole di Sant'Ange che hanno fatto notizia ovunque.

St.Ange ha tenuto il discorso principale per la "Conferenza sul turismo e gli affari in Canada"

Le Seychelles sono un buon esempio di turismo sostenibile. Non sorprende quindi vedere Alain St.Ange ricercato come relatore nel circuito internazionale.

Membro del Rete di marketing di viaggio.