Compagnie Aeree · XNUMX€ Aeroporto · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Libano Ultime notizie · XNUMX€ Cosa ce di nuovo · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Trasporti in Damanhur · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire

I viaggiatori sono entusiasti del transito più veloce all'aeroporto internazionale di Beirut-Rafic Hariri

0a1a-237
0a1a-237

L'aeroporto di Beirut ha introdotto nuove procedure che consentono ai viaggiatori stranieri di saltare le tessere di arrivo e di partenza che richiedono molto tempo.

Il nuovo provvedimento è stato accolto con favore dai passeggeri che hanno visto i tempi di attesa ridotti.

“Niente più cartellini rosa. Niente più carte bianche. E il controllo passaporti dell'aeroporto di #Beirut (anche se era relativamente vuoto) era faaaaast ", ha twittato uno.

Prima di passare al controllo passaporti, i passeggeri dovevano compilare a mano carte rosa o bianche che riportavano, tra l'altro, il loro nome, numero di passaporto e luogo di soggiorno in Libano, causando congestione durante una corsa dell'ultimo minuto per le penne.

Secondo i rapporti, il 7 giugno è stato pubblicato un decreto che annulla le carte per “facilitare i flussi”. Le nuove procedure sono attuate dalla Sicurezza generale, agenzia di intelligence incaricata anche del controllo delle frontiere, sotto la supervisione del ministro dell'Interno Raya Hassan.

L'eliminazione delle carte di arrivo e partenza fa parte di una serie di riforme avviate lo scorso febbraio dalle autorità locali per accelerare le procedure di sicurezza ed evitare il ripetersi di incidenti avvenuti durante l'estate 2018, quando i passeggeri hanno dovuto attendere in fila per ore.

Parallelamente all'agevolazione delle procedure di immigrazione, le autorità aeroportuali aumenteranno il numero di banchi di controllo passeggeri della Sicurezza generale.

L'Unione Europea sta finanziando queste riforme per un costo di 3.5 milioni di euro (12.8 milioni di Dh), hanno riferito i media locali.

L'aeroporto internazionale Rafic Hariri diventa regolarmente sovraffollato durante le vacanze quando i libanesi che vivono all'estero tornano nel loro paese d'origine per visitare le loro famiglie.

Quasi nove milioni di passeggeri hanno utilizzato l'aeroporto l'anno scorso, sebbene inizialmente fosse stato costruito per gestirne sei milioni.

Con l'Arabia Saudita che ha recentemente revocato il suo avviso di viaggio in Libano e gli Emirati Arabi Uniti che annunciano che presto aboliranno il loro divieto di viaggio, il Libano spera in un aumento dei turisti quest'estate rispetto agli anni precedenti. Il turismo è tradizionalmente uno dei principali motori dell'economia.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Capo redattore incaricato

Capo redattore incarico è OlegSziakov