eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Associazioni News · XNUMX€ Belgio Ultime notizie · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Culinario · XNUMX€ Cultura · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Notizie dal settore delle riunioni · XNUMX€ News · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Shopping · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ Vini e liquori

mangiare! BRUXELLES, bevi! BORDEAUX presenta gli chef di Bruxelles al suo ottavo festival

0a1a-187
0a1a-187

Il 5, 6, 7 e 8 settembre 2019 il eat! BRUXELLES, bevi! Il festival BORDEAUX riprenderà il controllo del Parco di Bruxelles. Più di 30 chef e artigiani di Bruxelles lavoreranno ai loro fornelli nelle loro cucine pop-up per servire al pubblico i loro piatti d'autore. Circa 50 enologi e commercianti di Bordeaux ti porteranno una vasta gamma di vini che incarnano la semplicità, la diversità, la qualità e l'accessibilità dei vini di Bordeaux, offrendoti la bevanda perfetta da accompagnare al tuo cibo e l'opportunità di scoprire qualcosa di nuovo.

L'ottavo mangia! BRUXELLES, bevi! Il festival sta intensificando le sue attività e accoglie più di 30 chef e artigiani di Bruxelles. Questa è una meravigliosa opportunità per scoprire le stelle della scena gastronomica belga nei verdi dintorni del Parco di Bruxelles. Quest'anno, i bar con formaggio e dessert aggiungeranno ancora una volta gli ultimi ritocchi al menu gourmet del festival.

All'evento saranno presenti anche circa 40 enologi e commercianti di vino di Bordeaux che vi offriranno una gamma completa di vini bordolesi (rossi, bianchi, rosati e crémant), che si abbinano perfettamente ai piatti preparati dagli chef.

Più di 30 chef di Bruxelles

Nuovi famosi chef di Bruxelles si stanno unendo al divertimento, il che significa che ci sarà ancora di più da divertirti al festival. Serviranno un piatto d'autore per i visitatori che riassume la loro identità culinaria.

Gli chef al festival:

Laure Genonceaux - Brinz'l

Laure Genonceaux sottolinea con orgoglio e mette in mostra le sue radici mauriziane con un piccolo cenno alla Brinzelle, la melanzana locale di Mauritius. Tuttavia, la sua cucina è molto francese, creativa e di alto livello. Laure celebra i prodotti locali della nostra regione. Quando crea i suoi piatti, si concentra sulla priorità dei prodotti naturali e sul trattamento dei produttori con rispetto.

Denis Delcampe - Le Tournant

Le Tournant si trova proprio nel cuore di Ixelles, ai margini del quartiere Matonge. Lì, Denis Delcampe prepara una cucina di mercato gourmet, influenzata dalle cucine del mondo. Il ristorante mette in primo piano anche la sua carta dei vini naturali e gli abbinamenti cibo-vino che ne derivano.

Alex Joseph - Rouge Tomate

Questo è senza dubbio uno dei più bei ristoranti di fascia alta della città. Da quando lo chef californiano Alex Joseph ha rilevato la cucina lì, Rouge Tomate ha iniziato a produrre una cucina contemporanea sofisticata in costante sviluppo. Alex ha vinto il concorso San Pellegrino Young Chef 2015 del Benelux.

Ugo Federico e Francesco Cury - Racines et Petit Racines

Racines è soprattutto un viaggio culinario. Ti porta in un viaggio in un'Italia autentica, deliziosa e idilliaca. Questa Italia ha una scorta infinita di prodotti naturali di prima qualità. Scopri questa Italia nei ristoranti di questi due chef, Racines e Petit Racines.

Yoth Ondara - Crab Club

Questo bistrot con un arredamento industriale alla moda ha aperto le sue porte nel quartiere di Porte de Hal nel 2015 e ti offre una cucina a tema incentrata sui frutti di mare, che provengono da pesca e stock sostenibili. Ogni giorno, lo chef Yoth Ondara, di origine thailandese, ti offre una varietà di piatti freschi e semplici con influenze asiatiche e abbinamenti surf-turf, serviti in stile mezze da condividere.

Julie De Block e Glen Ramaekers - Humphrey

Annidata nella sede della casa discografica PIAS, questa mensa internazionale non ha eguali. Mentre producono una cucina reinventata con influenze filippine, Glen e Julie danno molta importanza ai prodotti naturali e si propongono di stuzzicare le vostre papille gustative.

Valerio Borriero– Ristorante SAN Sablon

Lo chef con due stelle Michelin ha aperto tre ristoranti a Bruxelles e Gand sotto il nome di San. Lo chef Valerio Borriero gestisce il ristorante Sablon, portandovi piatti straordinari, come ci si aspetterebbe.

Alessio Sanchez - Sanzaru

Situato in una villa degli anni '1930 tutelata, Alessio Sanchez propone una cucina giapponese "bistronomica", ispirata da una sapiente miscela di sapori naturali dei prodotti peruviani e tecniche culinarie giapponesi.

Luigi Ciciriello - La Truffe Noire

La Truffe Noire delizia gli amanti della buona tavola da quasi 30 anni, con i suoi tartufi che si distinguono come assoluto fiore all'occhiello. Che tu stia mangiando quelli neri, bianchi o estivi, i tartufi serviti da Luigi Ciciriello in questo locale elegante vicino a La Cambre sono sublimi. Questo ristorante, che si concentra su questo ingrediente sofisticato, potentemente magico e straordinario, promette di regalarti un'esperienza indimenticabile con questo diamante gastronomico in prima linea.

Karen Torosyan - Ristorante BOZAR

Serve torte come Pâté en croûte, pie, Pithivier e Coulibiac, il ristorante Bozar è un mondo da sogno e un vero segno distintivo dell'identità di Bozar. Lo sfondo art déco del ristorante lo rende un'oasi di cucina sofisticata preparata da Karen Torosyan, un'appassionata chef artigiana con una stella Michelin alle spalle.

I nuovi arrivati:

Jean Philippe Watteyne - Il 1040

Jean-Philippe Watteyne ha deciso di aprire il suo ristorante presso l'hotel Sofitel Brussels Europe dal mese di maggio. Qui, questo chef di Mons ti offre una cucina gourmet nella nuova brasserie 1040. Se ti piacciono i buoni sapori, devi fermarti qui!

Cédric Callenaere - Aux Armes de Bruxelles

Non c'è una clientela benestante qui, solo una folla belga, brussellese e internazionale che riconosce i buoni sapori e ama viziarsi. Lo chef Cédric Callenaere sta dando nuova vita alla cucina di questa istituzione, con piatti sorprendenti e, soprattutto, deliziosi!

Cédric Mosbeux - Fernand Obb - Specialità alimentari

Fernand Obb - Delicatessen si presenta come un “bancone da cucina popolare”. Cédric Mosbeux, originario di Bruxelles, ha deciso di portare i piatti della cucina belga nel 21 ° secolo. Ha accettato la sfida perché può vantarsi di aver vinto il concorso inaugurale per trovare la migliore crocchetta di gamberetti a Bruxelles.

Kenzo Nakata - Gramm

L'edizione 2018 della guida Gault & Millau ha assegnato il premio come miglior giovane chef dell'anno a Kenzo Nakata del ristorante Gramm, ed è chiaro il perché! In effetti, questo ristorante, situato in Rue de Flandre 86, e la sua deliziosa cucina hanno fatto parlare tutti.

Pierre Baeyens e Jonathan Delhière - Gus
A Gus, puoi scoprire una sottile miscela delle arti della birra e della gastronomia. In un ambiente amichevole e rilassato, puoi gustare una vasta gamma di nuove birre, prodotte in loco da Aurélien Grodent. La cucina preparata da Pierre Baeyens e Jonathan Delhière, che gestivano rispettivamente Bon Bon e Air du Temps, comprende piatti ispirati ai bistrot. Devi assolutamente fermarti in questo ristorante.

Toshiro Fujii - Toshiro

Dopo più di dieci anni a deliziare le nostre papille gustative sotto la guida dello chef con due stelle Michelin Sang Hoon Degeimbre (L'air du temps, SAN), Toshiro Fujii ha aperto il suo ristorante. Qui puoi gustare una cucina creativa che si concentra sulle sue origini giapponesi in un ambiente elegante.

Isabelle Arpin

La cucina di Isabelle Arpin non segue ciò che è di moda e non è vincolata dalle tendenze. Tuttavia, allo stesso tempo, è anche il più distinto e gourmet possibile. Lo chef opera in base al principio di non elencare i piatti nei suoi menu, il che significa che può essere davvero creativa quando è il momento di cucinare.

Kamo Tomoyasu - Kamo

KAMO ti porta il meglio del Giappone nel tuo piatto. Questo ristorante ha la cucina giapponese e le sue esigenze in prima linea nella sua mente, e dà la priorità a portarti prodotti stagionali e di alta qualità. Al KAMO scoprirai il Giappone, la sua arte e la sua raffinatezza.

Simona El Harar - Cucina 151

Situato nel quartiere di Ixelles, in pochi passi, Kitchen 151 ti trasporta dalle strade di Bruxelles al cuore della sponda orientale e meridionale del Mediterraneo. Godrai di un'esperienza culinaria che celebra sia la moderna cucina fusion che le ricche culture culinarie del Medio Oriente e del Maghreb.

Kevin Lejeune - La Canne en Ville

Gli chef Kevin Lejeune e Virginie Essers sono al timone di questo mitico ristorante e ti offrono una cucina gustosa e sofisticata. La Canne en Ville è rimasta fedele all'etica dei ristoranti locali del suo quartiere. Ogni mattina, lo chef e il suo team hanno deciso di creare un nuovo menu moderno, gourmet e leggero per la giornata.

Dirk Myny - Les Brigittines

A Les Brigittines, sei l'ospite di Dirk Myny, il suo capo chef. Ti godrai la cena in un ex ufficio postale in stile art nouveau che vanta un grande camino. Qui, Dirk Miny serve certamente una cucina da brasserie, ma questa è una cucina stagionale e gourmet, che si concentra sui prodotti locali ed è disponibile in porzioni abbondanti. Durante il tuo pasto, Dirk Miny rivelerà le delizie di una cucina genuina e sempre più locale.

Alexandre Cardoso - Les Caves d'Alex
Ixelles ospita Les Caves d'Alex, in un ambiente incredibile con botti sorprendenti in una stanza dall'atmosfera intima. Tuttavia, soprattutto, i classici della cucina francese di Les Caves d'Alex, con le carni stagionate come specialità, hanno stabilito la reputazione di questo ristorante fuori Bruxelles. Questo ristorante è piacevole alla vista e delizierà le vostre papille gustative!

Karin Burton - Lou Ferri

Dopo aver aperto un ristorante gourmet nel grazioso paesino di Euzet-les-Bains, Karin Burton ha deciso di lasciare la sua amata patria meridionale per venire in Belgio e creare un nuovo posto. Tuttavia, non è venuta qui a mani vuote, poiché ha portato con sé tutti i sapori della Camargue e della Provenza. Le stagioni del sud hanno una grande influenza sul menu, con nomi che fanno pensare al sole. Varcare la soglia di Lou Ferri è un po 'come percorrere 1,000 km in una frazione di secondo.

Georges Baghdi Sar - My Tannour

Il tannour è un pane di origine siriana. Non c'è da meravigliarsi quindi che questo ristorante fast-food situato a due passi da Place Flagey prende il nome da esso, dato che puoi vedere lo chef, Georges Baghdi Sar, farlo lì di fronte a te. Questo ristorante ti offre prodotti di alta qualità e ti accompagna in un viaggio meraviglioso in pochi bocconi.

Alang Wichaiphum - Old Boy

Il ristorante asiatico Old Boy, situato a Ixelles, nasce dalla passione dei suoi fondatori per i gusti e i sapori dell'Asia. Lo chef Alang Wichaiphum vi propone piatti cinesi e thailandesi, che delizieranno le vostre papille gustative grazie ai prodotti freschi e di stagione utilizzati per realizzarli.

Paul Delrez - La Guinguette en ville

A soli 27 anni, Paul Delrez gestisce già due ristoranti a Bruxelles. La guinguette en ville sembra un piccolo ristorante locale senza tempo dove puoi fermarti e goderti una meravigliosa esperienza culinaria gourmet. Il giovane chef prepara una cucina che punta il suo cappello alla cultura bistrot, con piatti gourmet e variazioni stagionali.

Olivier Vanklemput - Viva m 'Boma

Trovando un perfetto equilibrio tra tradizione e modernità, prodotti di qualità e metodi di cottura e condimento adeguati, Olivier Vanklemput e il suo sous-chef preparano sia piatti tipici di Bruxelles che ricette creative che includono in primo piano le frattaglie.

Banco dolci e cheese bar

Contatore di dolci

Molti importanti pasticceri lavoreranno ogni giorno per aggiungere gli ultimi ritocchi al menu del festival. Chi di voi ha un debole per i dolci potrà gustare una serie di deliziosi dessert al prezzo di 9 euro. I produttori di vino e i commercianti di Bordeaux saranno lieti di darti consigli su quale vino si abbinerà perfettamente al tuo deserto.
I pasticceri:

Nikolas Koulepis - Pâtisserie Nicolas Koulepis

Dopo un periodo stellare a Villa Lorraine e poi ai ristoranti Bouchéry e Notos, Nikolas Koulepis ha recentemente aperto la sua pasticceria di ispirazione greca in Rue du Page. Noci, pistacchi e cannella sono i protagonisti di questi dolci artigianali leggeri e sofisticati, e il profumo dei dolci viennesi appena sfornati riempie regolarmente questa bella pasticceria.

Manuel Garcia - Garcia

“La reputazione e il successo di Rui Garcia non sono casuali. In effetti, questo chef portoghese è venuto in Belgio con tutta l'esperienza e i segreti culinari del suo paese d'origine.

Da quando è stata aperta, la pasticceria Garcia è diventata un punto di riferimento nella nostra capitale. Qui troverai non solo il "pastel de nata" di base, ma anche un'ampia gamma di dolci regionali portoghesi ". Anaïs Gaudemer - Cokoa
Anaïs Gaudemer, giardiniera paesaggistica e appassionata di pasticceria sin da giovanissima, è dietro questa straordinaria pasticceria. Cokoa si ispira alla natura come base per la creazione di pasticcini nuovi e innovativi, che vengono preparati in base alle stagioni e agli impulsi del loro creatore Anaïs Gaudemer. Vieni a scoprire una vasta gamma di prodotti tanto deliziosi quanto colorati.

Yasushi Sasaki - Pâtisserie Sasaki

Yasushi Sasaki, un ex studente del famoso pasticcere Mahieu a Stockel e che è apparso nella top 4 della guida Gault et Millau Chocolate and Pastries nel 2015, ti offre dolci di ispirazione giapponese contenenti bassi livelli di zucchero. Questo chef gourmet crea sapori meravigliosi e stupisce le persone con i suoi nuovi giri sui classici della pasticceria.

Barra di formaggio

Non c'è niente di meglio che gustare una vasta gamma di formaggi serviti con un ottimo vino bordolese. Perché non avere un formaggio blu con un vino dolce? Quest'anno ci sarà un gran numero di produttori leader di formaggio! BRUXELLES, bevi! BORDEAUX, offrendo ai visitatori l'opportunità di scoprire nuovi sapori grazie alla loro selezione originale.
I casari:

Julien Hazard - Affineur di Julien Hazard

Julien Hazard è un casaro certificato ed esperto di stagionatura che fornisce formaggio alla maggior parte dei ristoranti gourmet di Bruxelles. A mangiare! BRUXELLES, bevi! BORDEAUX, offre più di trecento varietà di formaggi. La maggior parte è stata maturata con cura nelle cantine del suo negozio in Rue Vanderkindere.

Véronique Socié - La Fruitière

Incoronata formaggio belga dell'anno 2016, Véronique Socié è la seconda donna a vincere questo premio e la prima ad aprire un cheese bar nella capitale del Belgio. Questa ambasciatrice del suo artigianato produce formaggio di capra originario della regione del Giura e mette a tavola nel suo negozio, dove potrai scoprire una selezione dei suoi formaggi preferiti.

Lara Milan - Le Comptoir du Samson

Le Comptoir du Samson è un affare di famiglia. Le due sorelle, Hélène e Lara Milan, appassionate di prodotti locali belgi, insieme allo zio Vincent Verleyen, vincitore del premio Belgian Cheesemaker of the Year 2014, vi portano una selezione di formaggi prodotti con latte crudo in il Condroz a Namur utilizzando metodi tradizionali e che sono etichettati come prodotti biologici.

Etienne Boissy- Di Comptoir

Dopo una carriera nei servizi di ristorazione che ha incluso 10 anni come professore di intrattenimento da tavola presso l'Istituto Paul Bocuse, Etienne Boissy ha vinto il premio come "Miglior casaro di Francia" per il 2003-2004. Da questo successo, Etienne Boissy ha costantemente fornito ai suoi clienti prodotti di altissima qualità. Non devi assolutamente perdere questo contatore.

Goditi i vini di Bordeaux come vuoi

I vini di Bordeaux, che sono i partner chiave di questo festival, si sono uniti ancora una volta a noi in questa avventura culinaria. Il festival è un'opportunità unica per scoprire le qualità dei vini di Bordeaux e incontrare circa 50 enologi e commercianti bordolesi che condivideranno la loro passione in modo amichevole e rilassato.

Scopri le storie e gli aneddoti di questi uomini e donne che producono vini di Bordeaux. Questi vini accessibili, facili da bere, sono prodotti mescolando con cura una serie di varietà di uva insieme e delizieranno le papille gustative dei visitatori. Questa è un'occasione unica per scoprire nuovi rossi bordolesi freschi e giovani, bianchi secchi, rosati, clairets e dolci, che fanno meravigliosi aperitivi e si adattano a tutti i tipi di cucine. Gli abbinamenti di vini, messi insieme per l'evento, saranno messi a disposizione anche per i piatti degli chef, i dessert e i taglieri di formaggi del festival.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Capo redattore incaricato

Capo redattore incarico è OlegSziakov