Aviation · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Ultime notizie dal Canada · XNUMX€ Cultura · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Health News · XNUMX€ Giamaica Ultime notizie · XNUMX€ News · XNUMX€ Comunicati stampa · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Ultime notizie nel Regno Unito · XNUMX€ Notizie varie

Il ministro del turismo della Giamaica esorta Regno Unito e Canada a rivedere le politiche COVID

Ministro Bartlett: il ministero del Turismo della Giamaica lancia l'hub delle forniture turistiche
Il ministro del turismo della Giamaica, on. Edmund Bartlett

Il schietto ministro del turismo della Giamaica Edmund Bartlett sta sollecitando il Regno Unito e il Canada ad adeguare la loro ultima taglia unica a tutte le politiche COVID. Ha spiegato perché la Giamaica come nazione dipendente dal turismo è diversa e merita di meglio.

Stampa Friendly, PDF e Email

L'On. Il ministro del turismo Edmund Bartlett ha detto nel suo editoriale per eTurboNews:

Prendo atto con evidente preoccupazione del nuovo requisito obbligatorio del test COVID che è stato recentemente introdotto dai governi del Canada e del Regno Unito. Il nuovo protocollo richiede che tutte le persone, sia cittadini che visitatori, che entrano in entrambi i paesi per via aerea, presentino risultati negativi ai test per facilitare l'ingresso o per evitare l'auto-quarantena. Sebbene comprenda certamente la necessità e la responsabilità di tutti i governi di proteggere i propri cittadini durante questa crisi sanitaria globale, il modo non discriminatorio in cui viene applicato il nuovo requisito arrecherà indubbiamente il recupero di piccole destinazioni vulnerabili a livello globale, specialmente quelle che hanno ha compiuto notevoli sforzi per rafforzare con successo i propri standard di salute e sicurezza per isolare i turisti dal rischio di infezione da covid-19.

Dopo quello che è stato un anno insolitamente disastroso per il settore dei viaggi e del turismo nei Caraibi, ogni speranza di una parvenza di aumento durante l'attesissima stagione turistica invernale è stata effettivamente paralizzata dalle ultime risposte da due dei principali mercati di origine della regione per la regione. Insieme agli Stati Uniti, il Canada e il Regno Unito rappresentano fino al 70% di tutti gli arrivi di turisti nei Caraibi.

Le nuove misure arrivano sull'onda di un novembre disastroso per viaggi e turismo. L'International Air Transport Association ha notato che gravi restrizioni ai viaggi e misure di quarantena hanno causato il rallentamento della domanda di viaggi aerei e l'arresto completo a novembre, con una domanda internazionale di passeggeri per novembre inferiore dell'88.3% al livello di novembre 2019 e leggermente peggiore dell'87.6% dell'anno calo su base annua registrato in ottobre. Le nuove restrizioni imposte dal Canada e dal Regno Unito si aggiungeranno certamente alla frustrazione, al disagio e alla burocrazia che disincentivano le persone a fare viaggi fuori dai loro paesi. Allo stesso tempo, puniscono anche ingiustamente le destinazioni che hanno fatto tutto il possibile per rendere la vacanza sicura per i turisti internazionali.

Inoltre, i nuovi requisiti obbligatori per il test COVID 19 significheranno che le autorità sanitarie dei paesi in difficoltà dipendenti dal turismo saranno ora tenuti a trovare risorse per testare centinaia di cittadini e visitatori su base giornaliera. Ciò promette di aggiungere un ulteriore livello di carico a un periodo già estremamente difficile caratterizzato da un aumento della spesa pubblica in un contesto di calo delle entrate

Dall'inizio della pandemia, i funzionari del turismo in Giamaica hanno risposto in modo aggressivo per adattarsi alla nuova normalità. Da marzo, abbiamo coinvolto attivamente tutti i nostri stakeholder e partner, comprese le agenzie di viaggio, le compagnie di crociera, gli albergatori, le agenzie di prenotazione, le agenzie di marketing, le compagnie aeree ecc. WTO, CTO CHTA ecc. Per coordinare le risposte alla crisi.

Abbiamo sviluppato l'infrastruttura necessaria, fornito supporto al Ministero della Salute e istruito tutte le parti interessate sul virus COVID-19. Abbiamo lavorato per sviluppare i nostri protocolli di salute e sicurezza COVID-88 di 19 pagine che hanno approvato dal World Travel and Tourism Council come fornire la leadership negli accordi di gestione del turismo COVID-19 e che hanno contribuito a distinguere la Giamaica come tra i più COVID-19 destinazioni resilienti nel mondo. I protocolli coprono tutti i segmenti dell'industria del turismo, compresi gli aeroporti; Porti di crociera; Alloggi; Attrazioni; Operatori di trasporto turistico; Commercianti di artigianato; Operatori di sport acquatici; Sicurezza generale e pubblica sicurezza; e Mega Eventi. I protocolli COVID-19 per la salute e la sicurezza sono stati approvati dal World Travel and Tourism Council (WTTC).

In generale, la maggior parte degli hotel e dei resort ha introdotto protocolli per mitigare la diffusione del COVID-19, tra cui l'aumento delle distanze fisiche, l'uso di maschere nei luoghi pubblici, la rimozione di articoli condivisi o self-service, l'installazione di stazioni di lavaggio / igienizzazione delle mani, pulizia visibile in corso frequentemente e più transazioni contactless / tecnologiche. Abbiamo anche creato un'unità speciale chiamata Stakeholder Risk Management Unit per monitorare l'implementazione delle misure di risposta COVID-19 nelle strutture ricettive dell'isola.

A giugno abbiamo lanciato il concetto di COVID-Resilient Corridors per aumentare la capacità del paese di gestire e tracciare il movimento e le attività dei turisti lungo i corridoi controllati dell'isola. I corridoi resilienti, che comprendono la maggior parte delle regioni turistiche dell'isola, offrono ai visitatori l'opportunità di godere di più delle offerte uniche del paese, poiché molte attrazioni conformi al coronavirus (COVID-19), situate lungo i corridoi, sono autorizzate per le visite da le autorità sanitarie. Quando i turisti arrivano in Giamaica, possono visitare solo luoghi approvati all'interno del corridoio. Come risultato della nostra proattività e vigilanza nella gestione del rischio COVID-19, il paese, ad oggi, non ha registrato un solo caso di infezione da COVID-19 legata a un turista internazionale che ha soggiornato in qualsiasi hotel all'interno del paese.

Durante questo periodo incredibilmente difficile, la Giamaica si è quindi dimostrata una destinazione sicura e protetta per i turisti internazionali e continueremo a monitorare e migliorare gli standard di salute e sicurezza per tutelare ogni singolo turista che sbarca sulle nostre coste.

Di conseguenza, imploriamo i governi del Canada e del Regno Unito di prendere in considerazione la revisione della loro ultima politica COVID taglia unica e prendere invece in considerazione le circostanze particolari e il livello di rischio associato ai viaggi nei singoli paesi.

Un'attenta considerazione di questo suggerimento darà alla ripresa del turismo la spinta di cui il settore ha così disperatamente bisogno. I mezzi di sussistenza economici di milioni di persone dipendono da questo.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Hon Edmund Bartlett, Ministro del turismo in Giamaica

On. Edmund Bartlett è un politico giamaicano.

È l'attuale ministro del Turismo