eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra :
Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Germania Ultime notizie · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Giappone Ultime notizie · XNUMX€ News · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Singapore Ultime notizie · XNUMX€ Ultime notizie dalla Corea del Sud · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Offerte di viaggio | Consigli per il viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Notizie varie

I migliori passaporti da avere: Giappone, Singapore, Corea del Sud, Germania

SGPassport
SGPassport

Il passaporto degli Stati Uniti o del Regno Unito dà accesso solo a 75 paesi senza visto. Questo sta portando il valore del passaporto degli Stati Uniti allo stesso livello del Gambia.
Il Global Mobility Report 2021 Q1 evidenzia una nuova ricerca del Deep Knowledge Group, sovrapponendo i dati del Covid-19 Risk and Safety Assessment della stabilità economica, sociale e sanitaria di 250 paesi e regioni con gli ultimi risultati dell'Henley Passport Index.

Stampa Friendly, PDF e Email

All'inizio del 2021, gli ultimi risultati dell'Henley Passport Index - la classifica originale di tutti i passaporti del mondo in base al numero di destinazioni a cui i loro titolari possono accedere senza un visto preventivo - forniscono affascinanti spunti sul futuro della libertà di viaggio in un mondo che ha stato trasformato dagli effetti della pandemia Covid-19.

Senza tenere conto delle restrizioni temporanee, il Giappone continua a mantenere la posizione numero uno nell'indice, con i titolari di passaporto in grado di accedere a 191 destinazioni in tutto il mondo senza visto. Questo segna il terzo anno consecutivo in cui il Giappone occupa il primo posto, da solo o insieme a Singapore. Dominio dell'indice dei paesi della regione Asia Pacifico (APAC), che si basa su dati esclusivi del Associazione internazionale per il trasporto aereo (IATA) - ora sembra saldamente stabilito. Singapore si trova al 2 ° posto, con accesso a 190 destinazioni, e la Corea del Sud è al 3 ° posto insieme alla Germania, con entrambi un punteggio di 189 senza visto / visto all'arrivo. Un po 'più in basso ma ancora tra i primi 10, Nuovo La Zelanda è in settima posizione, con accesso senza visto a 7 destinazioni, mentre l'Australia è in ottava posizione, con accesso a 185 destinazioni.

L'ascesa dei paesi APAC nelle classifiche dell'Henley Passport Index è un fenomeno relativamente nuovo. Nel corso dei 16 anni di storia dell'indice, i primi posti erano tradizionalmente detenuti dai paesi dell'UE, dal Regno Unito o dagli Stati Uniti, e gli esperti suggeriscono che la posizione di forza della regione APAC continuerà poiché include alcuni dei primi paesi ad iniziare il processo di riprendendosi dalla pandemia. 

Con gli Stati Uniti e il Regno Unito che devono ancora affrontare sfide significative legate al virus e la forza del passaporto di entrambi i paesi che continua a erodersi costantemente, l'equilibrio del potere sta cambiando. Negli ultimi sette anni, il passaporto degli Stati Uniti è sceso dal numero uno a 7th place, una posizione che attualmente condivide con il Regno Unito. A causa dei vincoli di viaggio legati alla pandemia, i viaggiatori del Regno Unito e degli Stati Uniti devono attualmente affrontare importanti restrizioni da oltre 105 paesi, con i titolari di passaporto statunitense in grado di viaggiare verso meno di 75 destinazioni, mentre i titolari di passaporto del Regno Unito hanno attualmente accesso a meno di 70.

Dott. Christian H. Kaelin, Presidente di primaria società di consulenza in materia di residenza e cittadinanza Henley & Partners e l'inventore del concetto di indice del passaporto, afferma che l'ultima classifica offre l'opportunità di riflettere sullo straordinario sconvolgimento che ha caratterizzato il 2020. "Solo un anno fa tutte le indicazioni erano che i tassi di mobilità globale avrebbero continuato a salire, che la libertà di viaggio sarebbe aumentare e che i titolari di passaporti potenti godranno di un accesso più ampio che mai. Il blocco globale ha annullato queste brillanti proiezioni e, poiché le restrizioni iniziano a diminuire, i risultati dell'ultimo indice sono un promemoria di ciò che il potere del passaporto significa davvero in un mondo sconvolto dalla pandemia ". 

Con il primo vaccino Covid-19 approvato poco più di un mese fa, gli esperti del settore aereo ritengono che la vaccinazione obbligatoria prima del viaggio aereo potrebbe presto essere una necessità. Un'innovazione tecnologica prevista per il lancio nel primo trimestre del 1 che contribuirà a ripristinare la mobilità globale è Iniziativa Travel Pass della IATA - un'applicazione mobile che consente ai viaggiatori di archiviare e gestire le loro certificazioni verificate per i test o i vaccini Covid-19. 

Il grande ripristino lascia il posto alla prossima grande migrazione 

Gli esperti suggeriscono che in termini di futura mobilità globale, non possiamo aspettarci un ritorno ai modelli pre-pandemici. Dottor Parag Khanna,autore di bestseller (Il futuro è asiatico) e il fondatore e Managing Partner di FutureMap a Singapore afferma che il sistema non tornerà semplicemente a quello che era e che la nazionalità da sola non sarà più sufficiente a garantire un passaggio sicuro. "Anche per passaporti ancora potenti come Giappone, Singapore, Corea del Sud e membri dell'UE, saranno necessari protocolli aggiuntivi per ottenere una mobilità relativamente priva di attriti". Guardando più avanti, Khanna suggerisce che è probabile che i cambiamenti demografici introducano cambiamenti molto più drammatici: "I giovani di oggi sono socialmente consapevoli, attenti all'ambiente e meno nazionalisti, il che li rende potenzialmente la generazione più mobile della storia umana. Annunciano un cambiamento fondamentale nella mobilità dall'essere ogni paese per se stesso all'essere ogni persona per se stesso ". 

Altri sviluppi chiave come questo sono discussi nel Rapporto sulla mobilità globale 2021 Q1 rilasciato da Henley & Partners oggi. Il rapporto, che presenta analisi e commenti all'avanguardia di eminenti accademici ed esperti professionisti, mostra che mentre la pandemia può aver temporaneamente limitato il movimento transnazionale, l'impulso a spostarsi e migrare rimane, con le persone che si rivolgono a soluzioni creative per proteggere i loro privilegi globali in l'era post-Covid. 

Commentando la crescente tendenza all'acquisizione di seconde cittadinanze, Professor Peter J. Spiro, Charles Weiner, professore di diritto presso la Temple University Law School, afferma che la pandemia "ha dimostrato il primo grande colpo al sistema di mobilità post-globalizzazione", e che questo "alla fine accelererà le tendenze preesistenti verso l'acquisizione della cittadinanza come sembrano le élite transnazionali per assicurare contro futuri eventi di shock ”.

Rapporto sulla mobilità globale 2021 Q1 evidenzia anche la nuova ricerca di Gruppo di conoscenza profonda, sovrapponendo i dati dal file Valutazione del rischio e della sicurezza Covid-19 della stabilità economica, sociale e sanitaria di 250 paesi e regioni con le ultime novità Henley Passport Index risultati. Ciò che emerge è che sia per i paesi sviluppati che per quelli in via di sviluppo, la libertà di viaggio è attualmente non solo il risultato di una mancanza di libertà sociale o di uno scarso sviluppo economico, ma anche di un fallimento nella gestione del rischio, preparazione sanitaria, monitoraggio e rilevamento. In altre parole, l'immobilità globale non è più solo la condizione dei cittadini dei paesi meno avanzati.

Discutendo dell'impatto della pandemia sulla migrazione dei talenti, Greg Lindsay, Direttore della ricerca applicata presso NewCities, sottolinea l'ascesa dei cosiddetti "nomadi digitali". “Il moniker ora descrive efficacemente chiunque abbia un mandato indotto da Covid a lavorare da qualsiasi luogo - e migliaia, se non milioni, stanno perseguendo l'arbitraggio pandemico nella loro scelta delle destinazioni. Le prove sono chiare, compreso il numero record di americani in cerca di cittadinanza secondaria nel 2020 e britannici che si affrettano per garantire l'accesso all'UE prima della Brexit ".

continua a leggere

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Juergen T Steinmetz

Juergen Thomas Steinmetz ha lavorato ininterrottamente nel settore dei viaggi e del turismo sin da quando era un adolescente in Germania (1977).
Lui ha fondato eTurboNews nel 1999 come prima newsletter online per l'industria mondiale del turismo di viaggio.