Associazioni News · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Cultura · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Incontri · XNUMX€ News · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Ultime notizie dalla Romania · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga

In che modo la Giornata del multiculturalismo in Transilvania sta riunendo turisti e gente del posto

b4owov
b4owov

Si prevede che un evento turistico locale in Transilvania attiri persone da più di 20 paesi non UE, che vivono a Brasov e che stanno visitando la regione.

Stampa Friendly, PDF e Email

Si prevede che un evento turistico locale in Transilvania attiri persone da più di 20 paesi non UE, che vivono a Brasov e che stanno visitando la regione. Brosov è la patria delle strade più strette d'Europa e un luogo perfetto per festeggiare.

Persone di diversa estrazione europea presenteranno sabato, a Piata Sfatului, le tradizioni e le usanze dei loro paesi in occasione della 6a edizione della Giornata del multiculturalismo.

Brașov è una città nella regione della Transilvania in Romania, circondata dai Carpazi. È noto per le mura e i bastioni medievali sassoni, l'imponente Chiesa Nera in stile gotico e i vivaci caffè. Piaţa Sfatului (Piazza del Consiglio) nella città vecchia acciottolata è circondata da colorati edifici barocchi ed è sede della Casa Sfatului, un ex municipio trasformato in museo di storia locale.

Circondata dalle vette dei Carpazi meridionali e risplendente di architettura gotica, barocca e rinascimentale, oltre a una ricchezza di attrazioni storiche, Brasov è uno dei luoghi più visitati della Romania.

Centro di BrasovFondata dai Cavalieri Teutonici nel 1211 su un antico sito dei Daci e stabilita dai Sassoni come una delle sette cittadelle fortificate *, Brasov emana un distinto ambiente medievale ed è stata utilizzata come sfondo in molti film recenti dell'epoca.

La posizione della città all'incrocio delle rotte commerciali che collegavano l'Impero Ottomano e l'Europa occidentale, insieme ad alcune esenzioni fiscali, consentì ai mercanti sassoni di ottenere una notevole ricchezza ed esercitare una forte influenza politica nella regione. Ciò si rifletteva nel nome tedesco della città, Kronstadt, così come nel suo nome latino, Corona, che significa Crown City (da qui, lo stemma della città che è una corona con radici di quercia). Intorno alla città furono erette fortificazioni e continuamente ampliate, con diverse torri mantenute da diverse corporazioni artigianali, secondo l'usanza medievale.

Oltre alle presentazioni dei loro paesi e dei costumi tradizionali, i partecipanti hanno mostrato anche bandiere, piccoli oggetti di artigianato, dipinti tradizionali, dolci o anche un pane tradizionale, come esposti negli stand di Piata Sfatului.

Gli abitanti di Brasov e i turisti hanno ricevuto un "passaporto" creato dagli organizzatori dell'evento, che include "visti" autoadesivi, come invito simbolico a viaggiare nel rispettivo paese.

“L'evento è cresciuto molto di anno in anno. Se la prima edizione siamo riusciti ad averla alla Casa dello Studente di Brasov, eccoci qui per questa 6a edizione a Piata Sfatului. La richiesta era molto alta proveniente dagli stranieri che vivono a Brasov e volevano venire a questo evento, il che ci rende felici. Abbiamo stampato 500 passaporti solo per questo evento, che erano già spariti in un'ora. Le Giornate del multiculturalismo a Brasov sono un evento che le persone stanno aspettando e anche il tempo è stato dalla nostra parte per questa edizione ”, ha detto ad AGERPRES Astrid Hamberger, coordinatrice del Centro regionale per l'integrazione degli stranieri a Brasov, l'organizzatore dell'evento.

Camilla Salas, 32 anni, dalla Columbia, vive a Brasov da due anni e mezzo, dopo aver sposato un abitante di Brasov. Sta imparando la lingua rumena presso il Centro regionale per l'integrazione degli stranieri.

“Sono molto felice di vivere a Brasov. In due anni e mezzo ho fatto molti amici qui. Ho incontrato mio marito in Colombia, dove ha lavorato per un po '. Ho accettato di venire in Romania e di vivere a Brasov e mi ci sono abituato molto velocemente. Il tempo non è stato un problema. Quando fa freddo indosso più vestiti. Sono felice di essere qui. Per Natale e Capodanno andremo in Columbia e la tecnologia che abbiamo oggi mi permette di parlare con mia madre e la mia famiglia ogni giorno. La mia città è diversa da Brasov, abbiamo le palme lì, ma avremo anche un albero di Natale artificiale ", ha detto Camilla Salas ad AGERPRES.

Ha anche detto che è riuscita in due anni a imparare molto bene la lingua del suo paese di adozione, soprattutto grazie a suo suocero, di Brasov, che non le fa parlare altre lingue oltre al rumeno, il che la aiuta molto , perché prima o poi dovrà sostenere il colloquio per ottenere la cittadinanza rumena.

Ai visitatori della Piata Sfatului è stato offerto anche uno spettacolo di danze tradizionali di Cuba, Messico, Filippine, Cina, Giappone, Repubblica di Moldova, Perù, Repubblica Dominicana e una sfilata di costumi su un palco della zona.

Paesi come Repubblica Dominicana, Colombia, Siria, Corea del Sud, Giappone, Filippine, Perù, Messico, Repubblica di Moldova, India, Turchia, Cina, Ucraina, Giordania, Nigeria, Israele, Egitto, Ecuador, Iran hanno portato spettacoli a Piata Sfatului.

Il Festival Multiculturalism Days in Brasov è stato preceduto dalla verniciatura della mostra “Portraits of Migration”, che si è svolta venerdì sera presso la Patria Hall e si concluderà domenica sera, presso il Centro multiculturale dell'Università della Transilvania, dove si Si svolgerà la proiezione del film “Stranger in Paradise”, seguito da un dibattito sulla questione dei rifugiati in Europa.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Juergen T Steinmetz

Juergen Thomas Steinmetz ha lavorato ininterrottamente nel settore dei viaggi e del turismo sin da quando era un adolescente in Germania (1977).
Lui ha fondato eTurboNews nel 1999 come prima newsletter online per l'industria mondiale del turismo di viaggio.