Cultura · XNUMX€ Ultime notizie dall'Italia · XNUMX€ News · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Segreti di viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Notizie varie

Nato in Veneto: Tavolo di coordinamento dei siti UNESCO

Veneto

La Regione Veneto è responsabile del governo di un territorio che oggi ne vanta 8 Siti del patrimonio mondiale. Da tempo è impegnata in un'azione di valorizzazione del proprio patrimonio d'eccellenza con l'intento di unirsi ad altre proposte di candidatura, sia tangibili che intangibili. Ciò si è concretizzato nella costituzione di un tavolo di lavoro e di un coordinamento interno per UNESCO problemi.

La Regione, in quanto ente sovrastante, è ritenuta “persona responsabile” secondo la definizione data dalla normativa statale in materia. Il suo scopo è quello di intervenire con crescente energia nelle complesse e articolate tematiche di tutela e conservazione, gestione, utilizzo e promozione. In quest'ottica, tutti gli attori locali, in primis soggetti istituzionali, amministrazioni ed enti pubblici, hanno il compito di occuparsi con particolare cura dei beni posti sotto la tutela dell'UNESCO.

Questi temi trovano corrispondenza in una pluralità di competenze e funzioni istituzionali che la regione esercita e che devono essere affrontate e approfondite con specifico riferimento al patrimonio UNESCO.

Il patrimonio riconosciuto dall'UNESCO in Veneto coincide con un aspetto di importanza strategica e ad alto potenziale per la crescita e lo sviluppo del territorio. Questo si pone come un gruppo ad alta visibilità sulla scena internazionale e anche per la sua natura ampiamente differenziata, individua indubbiamente un livello di particolare attenzione da parte della governance locale.

Il Veneto si è, quindi, nel tempo impegnato ad intervenire con sempre maggiore incisività nelle complesse e articolate tematiche di sostegno alla tutela e conservazione nonché alla promozione e fruizione dei Siti UNESCO. Essa, anche attraverso una politica di gestione condivisa delle richieste degli interessati, indica misure sempre più efficaci per coinvolgere tutti gli stakeholder del territorio.

In quest'ottica è nato il Tavolo di Lavoro dei Siti UNESCO del Veneto, già istituito con Delibera di Giunta Regionale, per offrire un momento di incontro, confronto e scambio tra tutti i soggetti coinvolti nella gestione dei beni iscritti al Patrimonio dell'Umanità elenco in Veneto.

Le principali funzioni per le quali è stato attivato questo Tavolo sono quelle di coordinamento delle iniziative; monitoraggio delle attività; e supporto per la redazione, adozione e implementazione di Piani di Gestione del Sito, acquisizione e condivisione delle richieste e individuazione di possibili azioni comuni di miglioramento.

Ai lavori del Tavolo partecipano i rappresentanti degli 8 siti Unesco del Veneto: “Venezia e la sua Laguna”, “Città di Vicenza e ville palladiane del Veneto”, “Orto Botanico di Padova”, “Città di Verona”, “ Dolomiti "," Siti palafitticoli preistorici dell'arco alpino "," Opere di difesa veneziana tra XVI e XVII secolo "," Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene ".

Chi sta seguendo percorsi di candidatura già avviati, come Padova Urbs Picta. Giotto, la Cappella degli Scrovegni, i cicli pittorici del XIV secolo, sono in lavorazione e attendono ora solo il pronunciamento definitivo dell'UNESCO.

A supporto del Tavolo sono coinvolti specialisti altamente qualificati nei vari settori come il Prof.Amerigo Restucci, membro del Consiglio di Amministrazione del Consiglio Internazionale dei Monumenti e dei Siti (ICOMOS), insieme a un team dell'Università Iuav di Venezia che indaga le problematiche di governance del patrimonio UNESCO, ed esperti del CISET - Centro Internazionale di Studi sull'Economia del Turismo - che si occupano di economia dei flussi turistici.

Il provvedimento che ha rinnovato il Tavolo ha anche formalizzato l'istituzione di un Coordinamento regionale interno per le tematiche UNESCO, un organismo composto da diverse strutture con competenze specifiche nei vari ambiti toccati dalla gestione dei siti lista UNESCO, quali la promozione e la valorizzazione beni culturali, pianificazione territoriale e urbana, infrastrutture e trasporti, opere pubbliche, governo dei flussi turistici, gestione del settore agroalimentare, rapporto con gli enti locali del territorio, strategie di comunicazione, attività formative e relazioni internazionali.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Mario Masciullo - eTN Italia

Mario è un veterano nel settore dei viaggi.
La sua esperienza si estende in tutto il mondo dal 1960, quando all'età di 21 anni ha iniziato ad esplorare il Giappone, Hong Kong e la Thailandia.
Mario ha visto il World Tourism svilupparsi fino ad oggi e ha assistito al
distruzione della radice / testimonianza del passato di un buon numero di paesi a favore della modernità / progresso.
Negli ultimi 20 anni l'esperienza di viaggio di Mario si è concentrata nel sud-est asiatico e negli ultimi tempi ha incluso il subcontinente indiano.

Parte dell'esperienza lavorativa di Mario comprende molteplici attività nell'Aviazione Civile
field si è concluso dopo aver organizzato il kik off di Malaysia Singapore Airlines in Italia come Institutor e proseguito per 16 anni nel ruolo di Sales / Marketing Manager Italy per Singapore Airlines dopo la scissione dei due governi nell'ottobre 1972.

La licenza ufficiale di giornalista di Mario è dell '"Ordine Nazionale dei Giornalisti Roma, Italia nel 1977.