Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Giamaica Ultime notizie · XNUMX€ Cosa ce di nuovo · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Sicurezza · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Segreti di viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ Notizie varie

Recupero turistico significa resilienza: ecco come!

Il ministro Bartlett brinderà a 126 coppie durante la cerimonia di matrimonio virtuale della Jamaica Tourist Board
ripresa del turismo

Giamaica Tourism Ministro, On. Edmund Bartlett, ha un appello urgente al mondo per un fondo di resilienza del turismo per ottenere la ripresa del turismo.

In una conferenza UNWTO tenutasi a Montego Bay, Giamaica, per commemorare il 2017 come Anno internazionale del turismo sostenibile per lo sviluppo, il Ministro del turismo della Giamaica, On. Edmund Bartlett, aveva avvertito che gli interessi del turismo globale dovrebbero prendere sul serio la minaccia di pandemie ed epidemie sulla base della dichiarazione di pandemie nel 2010 dall'OCSE come questioni di sicurezza globale e uno shock globale futuro. È stato osservato che il numero di nuove malattie per decennio è aumentato di quasi quattro volte negli ultimi 60 anni e dal 1980 il numero di focolai all'anno è più che triplicato. Sulla base di questi fatti, l'OCSE ha affermato che è necessaria una maggiore priorità politica e di bilancio delle pandemie per promuovere la sicurezza umana nello stesso modo in cui viene data la priorità ad altri rischi per la sicurezza nazionale.

Hon. Bartlett ha anche citato un rapporto del 2008 della Banca Mondiale che ha rilevato che una pandemia prolungata potrebbe innescare una grave recessione globale con perdite economiche derivanti non necessariamente da malattia o morte, ma dagli sforzi per evitare l'infezione, tra cui la riduzione dei viaggi aerei, evitando viaggi verso destinazioni infette e ridurre il consumo di servizi come ristoranti, turismo, trasporti di massa e acquisti al dettaglio non essenziali.

Avanzando rapidamente fino al 2020, il mondo è alle prese collettivamente con la pandemia COVID-19 che è il peggior evento catastrofico che il turismo globale abbia vissuto dalla Grande Depressione del 1929. A causa degli effetti combinati della pandemia e delle restrizioni ai viaggi, 174 milioni di posti di lavoro in turismo e viaggi sono a rischio, mentre si prevede che l'impatto economico complessivo supererà i mille miliardi di dollari.

Nonostante le sfide scoraggianti, se c'è una cosa che si sa del turismo internazionale, è che il turismo è uno dei segmenti più resilienti dell'economia globale. Sebbene l'impatto della pandemia si ripercuoterà probabilmente nel 2021, la maggior parte delle destinazioni globali ha trovato modi per adattarsi e ha sviluppato piani di ripresa per gestire la riapertura delle proprie industrie turistiche.

Il ritmo della ripresa, tuttavia, continua a variare da paese a paese. Fortunatamente, la maggior parte del mondo è ora in grado di identificare alcuni dei fattori di successo per una ripresa a ritmo ragionevole del settore turistico sulla base delle esperienze di paesi specifici. Fondamentalmente, una leadership efficace con il settore è stata fondamentale per apportare aggiustamenti tattici alle operazioni aziendali a breve termine per garantire l'adattabilità durante la crisi e la sopravvivenza oltre. 

Ovviamente, è stato necessario un coordinamento e una cooperazione coerenti non solo tra i settori pubblico e privato, ma all'interno di ciascuno di questi, per garantire che tutte le parti interessate interessate abbiano accesso a informazioni tempestive e accurate per consentire un processo decisionale efficiente e ottimale. In Giamaica, la guida dell'on. Il ministro Bartlett durante questa crisi, ha riflesso questo approccio attivista e corporativo. Le agenzie giamaicane hanno riconosciuto fin dall'inizio che il ritmo della ripresa dipendeva dalla capacità del paese di creare partnership significative per contenere la diffusione della pandemia. Fin dall'inizio, Jamaica Tourism ha coinvolto attivamente tutte le parti interessate e i partner, comprese le agenzie di viaggio, le compagnie di crociera, gli albergatori, le agenzie di prenotazione, le agenzie di marketing, le compagnie aeree, l'Organizzazione mondiale del turismo (WTO), l'Organizzazione del turismo dei Caraibi (CTO), i Caribbean Hotel e Tourism Association (CHTA) e altri per sviluppare misure per gestire la crisi. L'approccio ruotava intorno alla garanzia di comunicazioni mirate, al bilanciamento delle informazioni tra avvertimento e garanzia e alla garanzia della cooperazione intersettoriale.

A marzo, Jamaica Tourism ha annunciato misure che saranno adottate da tutte le entità turistiche per prevenire la diffusione del COVID-19. Queste misure avevano tre componenti principali: sviluppare l'infrastruttura richiesta, fornire supporto al Ministero della Salute e istruire tutte le parti interessate sul virus COVID-19. È stato nominato un coordinatore COVID-19 che avrebbe la responsabilità di tenersi al passo con i protocolli sanitari e le misure preventive, nonché di mantenere la comunicazione con le agenzie di prenotazione per garantire che le informazioni sulle misure precauzionali di viaggio vengano osservate.

La principale preoccupazione di Jamaica Tourism è sempre stata la sopravvivenza delle imprese turistiche e il benessere dei lavoratori sfollati nel settore. Questi due obiettivi sono cruciali per la ripresa in quanto le imprese turistiche e i lavoratori costituiscono la spina dorsale del settore. L'approccio del Ministero per garantire che il settore rimanga a galla durante questo periodo ha enfatizzato lo stimolo fiscale per salvare posti di lavoro, sostenere il lavoro autonomo e sostenere la liquidità e le operazioni delle aziende. Jamaica Tourism ha fornito lo stimolo fiscale più completo nella storia del paese per sostenere imprese e lavoratori con vantaggi, tra cui sovvenzioni in denaro ai lavoratori, estensione di sovvenzioni aziendali e moratorie su licenze e prestiti. Il Ministero ha anche collaborato con istituzioni finanziarie per allentare i termini di rimborso del prestito e per migliorare l'accesso al credito per le imprese in difficoltà. Ha inoltre contribuito a identificare catene di approvvigionamento e mercati alternativi per le micro, piccole e medie imprese turistiche, in particolare quelle del settore agricolo.

Anche la pianificazione e la strategia sono fattori cruciali per il successo del recupero. A causa della complessità e dell'ubiquità delle interruzioni causate dalla pandemia, nonché della maggiore necessità di ottenere uno stretto controllo delle misure di risposta e dei loro risultati, un approccio casuale e laissez-faire non garantirà una ripresa tempestiva. Il processo di recupero deve quindi essere gestito con attenzione. In Giamaica, hanno già istituito una COVID-19 Economic Recovery Task Force che si assumerà la responsabilità di definire le strategie del paese per la graduale ripresa delle attività commerciali. È stato anche presentato un piano in cinque punti per la ripresa del settore turistico che include: sviluppo di solidi protocolli di salute e sicurezza, aumento della formazione per tutti i segmenti del settore turistico, costruzione di infrastrutture di sicurezza e protezione e acquisizione di DPI e strumenti per l'igiene.

Il piano di riapertura è guidato dalla Task Force per il recupero del turismo del Ministero, che è una collaborazione del settore pubblico-privato composta da parti interessate chiave del settore del turismo, il Ministero del turismo e le agenzie del Ministero. Sarà supportato da due gruppi di lavoro - uno per il turismo generale e un altro per il turismo crocieristico - e un Segretariato. La Task Force è stata incaricata di realizzare una visione realistica della linea di base o della posizione di partenza del settore; sviluppare scenari per più versioni del futuro; stabilire la posizione strategica per il settore e un'ampia direzione del viaggio di ritorno alla crescita; stabilire azioni e imperativi strategici che si rifletteranno in vari scenari; e stabilire punti trigger per affrontare l'azione, che include una visione pianificata in un mondo che sta imparando a evolversi rapidamente.

Il Ministero del turismo della Giamaica ha anche lavorato per sviluppare standard che aiuteranno a rafforzare la sicurezza della destinazione in un momento in cui i turisti internazionali prestano maggiore attenzione alla loro salute e sicurezza quando pianificano i loro itinerari. Ha riconosciuto che le destinazioni che rispondono a queste esigenze attireranno probabilmente quote maggiori del mercato turistico internazionale in declino durante questo periodo e alla fine si riprenderanno più rapidamente.

Prima della riapertura del settore turistico a giugno, il Ministero ha presentato i protocolli COVID-19 dell'Industria del Turismo Post, che sono stati sviluppati per garantire la sicurezza dei lavoratori del settore, nonché per costruire la fiducia tra i viaggiatori a cui il paese si sta adattando "La nuova normalità" di ulteriori pratiche igieniche e sanitarie. I protocolli, contenuti in un documento di 88 pagine, coprono tutti i segmenti del settore tra cui: aeroporti, porti di crociera, alloggi, attrazioni, operatori di trasporto turistico, commercianti di artigianato, operatori di sport acquatici, sicurezza generale e pubblica sicurezza e mega eventi . I protocolli di salute e sicurezza COVID-19 sono stati approvati dal World Travel and Tourism Council (WTTC). I protocolli sono stati anche riconosciuti a livello mondiale come leader negli accordi di gestione del turismo COVID-19 e, se completamente rispettati, renderanno la Giamaica tra le destinazioni più resistenti al COVID-19 al mondo.

L'innovazione è anche riconosciuta come catalizzatore di ripresa e crescita nell'era post-COVID. La sicurezza e l'attrattiva della destinazione saranno sempre più legate alle innovazioni che hanno fornito ulteriori livelli di tranquillità per i turisti mitigando i rischi che possono eventualmente incontrare durante il viaggio. A tal fine, il Ministero del turismo ha concettualizzato un quadro di assicurazione di viaggio per la Giamaica che rafforzerà la sua architettura per la sicurezza della destinazione garantendo che fornisca una rete di sicurezza per i visitatori contro il rischio di incorrere in spese mediche impreviste e contro altre emergenze legate al viaggio che possono interrompere la fluidità delle esperienze di viaggio.

L'innovativo programma di protezione dei viaggiatori noto come "Jamaica Cares" sarà lanciato questo mese e sarà una partnership coordinata e amministrata dal Global Tourism Resilience and Crisis Management Center con il supporto del Global Travel and Tourism Council, Global Rescue e leader compagnie assicurative internazionali e nazionali. Per soli US $ 40, Jamaica Cares offre ai visitatori l'accesso alla protezione obbligatoria dei viaggiatori e ai servizi medici di emergenza, tra cui: gestione dei casi, logistica dei trasporti, soccorso sul campo, evacuazione e rimpatrio per emergenze mediche, incluso COVID-19 e altre crisi fino ae comprese le calamità naturali .

Un altro concetto che il Ministero del turismo ha introdotto per promuovere la Giamaica come destinazione sicura per i turisti internazionali è l'istituzione di COVID-Resilient Corridors, che costituiranno una caratteristica chiave del piano di ripresa del turismo del paese. I Corridoi Resilienti, che comprendono le principali località turistiche del Paese, offrono l'opportunità ai visitatori di spostarsi e visitare le attrazioni conformi a COVID situate lungo i corridoi che sono autorizzate alle visite dalle autorità sanitarie. I corridoi resistenti a COVID sono stati i primi nel settore a promuovere esperienze appaganti ma sicure per turisti e gente del posto in un modo che offrirà maggiori vantaggi economici per le attività turistiche locali.

L'On. Bartlett ha ribadito la richiesta per l'istituzione di un Fondo globale per la resilienza del turismo per migliorare la capacità delle destinazioni turistiche vulnerabili a livello globale di rispondere, gestire e riprendersi meglio dagli shock. Il Fondo si rivolge in particolare a destinazioni riconosciute come ad alta vulnerabilità ma con capacità finanziaria insufficiente per prepararsi e riprendersi rapidamente dalle interruzioni.

Altre notizie sulla Giamaica.

#rebuildingtravel

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Linda Hohnholz, editore eTN

Linda Hohnholz scrive e modifica articoli dall'inizio della sua carriera lavorativa. Ha applicato questa passione innata a luoghi come la Hawaii Pacific University, la Chaminade University, l'Hawaii Children's Discovery Center e ora TravelNewsGroup.