Leggici | Ascoltaci | Guardaci | Registrati Eventi live | Disattiva gli annunci | Dal Vivo |

Fai clic sulla tua lingua per tradurre questo articolo:

Afrikaans Afrikaans Albanian Albanian Amharic Amharic Arabic Arabic Armenian Armenian Azerbaijani Azerbaijani Basque Basque Belarusian Belarusian Bengali Bengali Bosnian Bosnian Bulgarian Bulgarian Cebuano Cebuano Chichewa Chichewa Chinese (Simplified) Chinese (Simplified) Corsican Corsican Croatian Croatian Czech Czech Dutch Dutch English English Esperanto Esperanto Estonian Estonian Filipino Filipino Finnish Finnish French French Frisian Frisian Galician Galician Georgian Georgian German German Greek Greek Gujarati Gujarati Haitian Creole Haitian Creole Hausa Hausa Hawaiian Hawaiian Hebrew Hebrew Hindi Hindi Hmong Hmong Hungarian Hungarian Icelandic Icelandic Igbo Igbo Indonesian Indonesian Italian Italian Japanese Japanese Javanese Javanese Kannada Kannada Kazakh Kazakh Khmer Khmer Korean Korean Kurdish (Kurmanji) Kurdish (Kurmanji) Kyrgyz Kyrgyz Lao Lao Latin Latin Latvian Latvian Lithuanian Lithuanian Luxembourgish Luxembourgish Macedonian Macedonian Malagasy Malagasy Malay Malay Malayalam Malayalam Maltese Maltese Maori Maori Marathi Marathi Mongolian Mongolian Myanmar (Burmese) Myanmar (Burmese) Nepali Nepali Norwegian Norwegian Pashto Pashto Persian Persian Polish Polish Portuguese Portuguese Punjabi Punjabi Romanian Romanian Russian Russian Samoan Samoan Scottish Gaelic Scottish Gaelic Serbian Serbian Sesotho Sesotho Shona Shona Sindhi Sindhi Sinhala Sinhala Slovak Slovak Slovenian Slovenian Somali Somali Spanish Spanish Sudanese Sudanese Swahili Swahili Swedish Swedish Tajik Tajik Tamil Tamil Thai Thai Turkish Turkish Ukrainian Ukrainian Urdu Urdu Uzbek Uzbek Vietnamese Vietnamese Xhosa Xhosa Yiddish Yiddish Zulu Zulu

Un paese in cui gli americani viaggiano in numeri da record e senza fare domande

Il turismo in Turchia sta attraversando tempi difficili
Il turismo in Turchia sta attraversando tempi difficili

Volare dagli Stati Uniti o dalla Russia alla Turchia non è un problema. Molti dei voli della Turkish Airlines dai gateway statunitensi partono con buoni carichi. È perché sia ​​agli americani che alle autorità turche non importa.

Ottenere denti o protesi per capelli è il motivo ufficiale per molti visitatori americani e russi, tali servizi sono disponibili per un affare in Turchia.

Un giornalista eTN è recentemente volato dagli Stati Uniti in Turchia, è tornato per 2 settimane e non gli è stato chiesto nemmeno una volta della sua temperatura e di come si sentisse.

La United Airlines gli ha chiesto a Honolulu sul suo volo per Chicago di COVID. Una volta a Chicago non c'erano più domande.

Sul suo volo di ritorno, ha controllato i suoi bagagli a Istanbul fino a Los Angeles sul volo con Turkish Airlines per Monaco e United Airlines per San Francisco e poi per Los Angeles. Nessuno gli ha mai chiesto come si sentiva. Le autorità tedesche non gli hanno permesso di entrare nel paese poiché è volato da un paese ad alto rischio (Turchia) a un paese ad alto rischio (USA)

Si è imbarcato su una United Airlines a Monaco senza domande e ha superato l'immigrazione e la dogana in 2 minuti. Nessun test COVID necessario,

Potrebbe spiegare perché i visitatori numero uno in Turchia provengono dagli Stati Uniti e dalla Russia in questo momento.

Istanbul rimane una città frenetica. I bar ora chiudono nei fine settimana, ma ci sono sempre così tante eccezioni e così tanti agenti di polizia che hanno molti occhi ciechi per un motivo.

Il turismo in Turchia sta andando avanti e i visitatori amano viaggiare in un paese con poche restrizioni. Non preoccuparti di indossare maschere sugli autobus turistici.

L'unico colpo d'occhio è quando si vola con quest'ultimo volo da Los Angeles a Honoluluy. È richiesto un test COVID-19 e non può essere più vecchio di 3 giorni. Tuttavia, tali test sono quasi impossibili da ottenere. Il nostro giornalista è riuscito a fare un test andando in farmacia senza appuntamento, ma il risultato ha richiesto una settimana per tornare. Gli è stato chiesto a Honolulu di osservare una quarantena di 14 giorni.

Ora la Turchia ha cambiato il modo in cui riporta quotidianamente le infezioni da COVID-19, ha confermato ciò che gruppi medici e partiti di opposizione sospettano da tempo: che il paese deve affrontare un'allarmante ondata di casi che sta rapidamente esaurendo il sistema sanitario turco.

In un voltafaccia, il governo del presidente Recep Tayyip Erdogan questa settimana ha ripreso a riportare tutti i test positivi sul coronavirus - non solo il numero di pazienti trattati per i sintomi - spingendo il numero di casi giornalieri a oltre 30,000. Con i nuovi dati, il paese è passato dall'essere uno dei paesi meno colpiti in Europa a uno dei più colpiti.

Non è stata una sorpresa per l'Associazione medica turca, che ha avvertito per mesi che i dati precedenti del governo nascondevano la gravità della diffusione e che la mancanza di trasparenza stava contribuendo all'aumento. Il gruppo sostiene, tuttavia, che le cifre del ministero siano ancora basse rispetto alla sua stima di almeno 50,000 nuovi contagi al giorno.

Nessun paese può riportare numeri esatti sulla diffusione della malattia poiché molti casi asintomatici non vengono rilevati, ma il modo precedente di contare faceva sembrare la Turchia relativamente benestante nei confronti internazionali, con nuovi casi giornalieri di gran lunga inferiori a quelli riportati nei paesi europei inclusa l'Italia, Gran Bretagna e Francia.

La situazione è cambiata mercoledì poiché il carico di lavoro giornaliero della Turchia è quasi quadruplicato da circa 7,400 a 28,300.

Gli ospedali del paese sono sovraccarichi, il personale medico è bruciato e i traccianti a contratto, che una volta erano accreditati per aver tenuto sotto controllo l'epidemia, stanno lottando per tenere traccia delle trasmissioni, ha detto all'Associated Press Sebnem Korur Fincanci, che dirige l'associazione.

Anche se il ministro della salute ha fissato il tasso di occupazione dei letti in terapia intensiva al 70%, la persona responsabile dell'Associazione degli infermieri di terapia intensiva con sede a Istanbul, afferma che i letti delle unità di terapia intensiva negli ospedali di Istanbul sono quasi pieni, con i medici che cercano di trovare spazio pazienti critici.

C'è una carenza di infermieri e il personale infermieristico esistente è esaurito.

Anche il quotidiano ufficiale COVID-19 decessi è salito costantemente a numeri record, raggiungendo 13,373 il sabato con 182 nuovi decessi, in un'inversione di fortuna per il paese che era stato elogiato per essere riuscito a mantenere bassi i decessi. Ma anche quei numeri record rimangono controversi.

Il sindaco di Istanbul Ekrem Imamoglu ha detto che 186 persone sono morte per malattie infettive nella città il 22 novembre, un giorno in cui il governo ha annunciato solo 139 morti per COVID-19 per l'intero paese. Il sindaco ha anche affermato che ogni giorno nella città di 450 milioni si verificano circa 15 sepolture contro la media 180-200 registrata nel novembre dell'anno precedente.

Koca ha affermato che il numero di pazienti gravemente malati e di vittime è in aumento e ha detto che alcune città, tra cui Istanbul e Izmir, stanno vivendo il loro "terzo picco". La Turchia, tuttavia, aspetterebbe due settimane per vedere i risultati del coprifuoco del fine settimana e di altre restrizioni prima di considerare blocchi più severi, ha detto.

Nel frattempo, il Paese ha raggiunto un accordo per ricevere 50 milioni di dosi del vaccino sviluppato dalla società farmaceutica cinese SinoVac e spera di iniziare a somministrarlo al personale medico e ai malati cronici il mese prossimo. È inoltre in trattativa per l'acquisto del vaccino sviluppato da Pfizer in collaborazione con l'azienda farmaceutica BioNTech. Un vaccino sviluppato dalla Turchia dovrebbe essere pronto per l'uso ad aprile.

Stampa Friendly, PDF e Email