eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Cultura · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Diritti umani · XNUMX€ News · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Arabia Saudita Ultime notizie · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Ultime notizie dal Vaticano

Vaticano e Riyadh firmano un accordo per costruire chiese in Arabia Saudita, tenere vertici musulmano-cristiani

0a1a-32
0a1a-32

L'Arabia Saudita non sarà più l'unico Stato del Golfo senza luoghi di culto cristiani pubblici, dopo che è stato firmato un accordo tra i leader wahhabiti locali e un cardinale vaticano per stabilire un rapporto di cooperazione.

"Questo è l'inizio di un riavvicinamento ... È un segno che le autorità saudite sono ora pronte a dare una nuova immagine al Paese", uno dei più alti funzionari cattolici, il presidente del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso, il cardinale Jean -Louis Tauran, ha detto al sito di Vatican News al ritorno da Riyadh.

Tauran è stato in Arabia Saudita per una settimana a metà del mese scorso, in una visita ampiamente coperta dai media locali e per lo più ignorata dalla stampa in lingua inglese. Ha incontrato il sovrano de facto, il principe ereditario Mohammed bin Salman e diversi leader spirituali.

L'accordo finale firmato tra Tauran e lo sceicco Mohammed bin Abdel Karim Al-Issa, segretario generale della Muslim World League, apre la strada non solo a progetti di costruzione, ma ha delineato piani per vertici musulmano-cristiani una volta ogni due anni e per maggiori diritti per i fedeli non islamici nel regno del Golfo.

Attualmente, i non musulmani in Arabia Saudita sono puniti per qualsiasi manifestazione della loro religione al di fuori delle loro case, mentre qualsiasi musulmano che decide di convertirsi a un'altra fede è soggetto a una condanna a morte per apostasia. La legge religiosa islamica è imposta in modo uniforme a tutti coloro che risiedono nello stato ricco di petrolio, indipendentemente dalle credenze, mentre una polizia religiosa dedicata sovrintende alla conformità.

Ciononostante, negli ultimi decenni c'è stato un afflusso di lavoratori migranti nel regno e si pensa che più di 1.5 milioni di cristiani siano nel paese, principalmente dalle Filippine.

I tentativi di negoziare uno status più visibile per il cristianesimo da parte del Vaticano risalgono a molti anni fa e, nel 2008, ha anche annunciato un accordo potenzialmente "storico" per costruire la prima chiesa moderna, un piano che alla fine è stato accantonato.

Ma la possibilità di almeno una dimostrazione cosmetica di tolleranza appare più probabile durante il regno del consapevole Mohammed bin Salman, che ha già abbandonato diverse usanze storiche, come quelle che vietano alle donne di guidare, o che richiedono loro di essere sotto costante supervisione dei loro tutori maschi.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Capo redattore incaricato

Capo redattore incarico è OlegSziakov