Compagnie Aeree · XNUMX€ Aeroporto · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Noleggio auto · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ News · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Segreti di viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Ultime notizie dagli USA · XNUMX€ Notizie varie

Gli americani non restano a casa per le vacanze

Gli americani non restano a casa per le vacanze
Gli americani non restano a casa per le vacanze
Scritto da Harry S. Johnson

La pandemia quest'anno ha provocato viaggi di piacere e di lavoro, ma l'ultimo sondaggio del settore ha rilevato che è probabile che il settore dei viaggi riceva una spinta significativa durante le vacanze.

Il sondaggio, che ha interrogato gli americani che intendono viaggiare nei prossimi sei mesi, ha rilevato che la metà degli intervistati intende fare viaggi tra novembre e l'inizio di gennaio, con il 25% in viaggio per il Ringraziamento, il 31% in viaggio per le vacanze di dicembre e il 15% per il Capodanno. celebrazioni. 

La stagione delle vacanze è accolta con ottimismo, poiché il 67% di coloro che viaggeranno ha dichiarato di essere entusiasta dei loro prossimi viaggi. Gran parte di quel fervore proviene dai viaggiatori Millennial, una generazione che ha superato le sue controparti più vecchie. Il 23% dei Millennial viaggerà per il Ringraziamento, rispetto a solo il 18% della Gen X, il 8% dei giovani Boomer e l'43% dei Boomer più anziani. Per le vacanze di dicembre, i Millennial hanno guidato anche altre generazioni con il 26% che prevede di viaggiare, mentre solo il 19% della Gen X, il 8% dei giovani Boomer e l'XNUMX% dei Boomer più anziani viaggeranno.

Le vacanze sono in particolare un momento in cui le famiglie si riuniscono, quindi non sorprende che il 45% dei viaggiatori in vacanza abbia intenzione di visitarlo con la famiglia e gli amici. Per quanto riguarda gli alloggi, il 42% dei viaggiatori si aspetta di rimanere con la famiglia e gli amici che sta visitando. Tuttavia, ci sono buone notizie per il settore alberghiero in quanto il 36% dei viaggiatori intende soggiornare in un hotel, il 20% in un resort e il 17% in un bed and breakfast o in un affitto a breve termine.

Una quantità significativa di americani intende intraprendere viaggi oltre alle visite alle case di amici e familiari. Altri tipi di viaggio programmato includono vacanze di coppia (23%), vacanze da solista (20%), vacanze di svago in famiglia (25%) e viaggi multigenerazionali (15%). Anche se questi tipi di viaggio variano, la stragrande maggioranza saranno viaggi nazionali negli Stati Uniti (88%) mentre solo il 20% afferma che visiterà una destinazione internazionale. Per quanto riguarda i viaggi nazionali, il 52% ha risposto che viaggerà tra 100 e 499 miglia da casa e il 27% viaggerà tra 500 e 999 miglia per le proprie vacanze. 

I veicoli privati ​​rimangono il mezzo di trasporto preferito (45% di veicoli personali, 16% di veicoli a noleggio e 11% di camper / camper). Tuttavia, vi è una crescente fiducia nella sicurezza dei trasporti pubblici, con il 38% che sceglie di prenotare un volo, il 14% che sceglie un treno e il 13% che guida un autobus per i viaggi di vacanza.

Sebbene vi sia un chiaro interesse per i viaggi, il 50% degli intervistati che prevede di restare durante le vacanze cita preoccupazioni per la propria salute (38%), per la salute della famiglia e degli amici con cui viaggerebbe normalmente (33%) e la salute di familiari e amici che si aspettano di visitare (28%) come principali motivi per non viaggiare. L'impatto socioeconomico della pandemia è stato meno preoccupante, con solo il 5% degli aspiranti viaggiatori che ha espresso preoccupazione per la sicurezza del lavoro e il 14% ha affermato di essere preoccupato per le finanze familiari. In particolare, l'11% degli intervistati ritiene che ci sarebbe una minore esperienza dei visitatori nelle destinazioni che visitano normalmente. 

Condotto ogni 90 giorni da marzo 2007, il sondaggio cattura le abitudini dei viaggiatori e misura le intenzioni di viaggio future guardando attraverso la lente degli sviluppi economici, sociali e politici emergenti. L'ultima ondata del sondaggio è stata condotta dal 12 al 25 ottobre 2020, tra 1,073 intervistati americani che intendono intraprendere almeno un viaggio di piacere nei prossimi sei mesi.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Harry S. Johnson

Harry S. Johnson lavora nel settore dei viaggi da 20 anni. Ha iniziato la sua carriera di viaggio come assistente di volo per Alitalia e oggi lavora per TravelNewsGroup come redattore negli ultimi 8 anni. Harry è un avido viaggiatore giramondo.