Leggici | Ascoltaci | Guardaci | Registrati Eventi live | Disattiva gli annunci | Dal Vivo |

Fai clic sulla tua lingua per tradurre questo articolo:

Afrikaans Afrikaans Albanian Albanian Amharic Amharic Arabic Arabic Armenian Armenian Azerbaijani Azerbaijani Basque Basque Belarusian Belarusian Bengali Bengali Bosnian Bosnian Bulgarian Bulgarian Cebuano Cebuano Chichewa Chichewa Chinese (Simplified) Chinese (Simplified) Corsican Corsican Croatian Croatian Czech Czech Dutch Dutch English English Esperanto Esperanto Estonian Estonian Filipino Filipino Finnish Finnish French French Frisian Frisian Galician Galician Georgian Georgian German German Greek Greek Gujarati Gujarati Haitian Creole Haitian Creole Hausa Hausa Hawaiian Hawaiian Hebrew Hebrew Hindi Hindi Hmong Hmong Hungarian Hungarian Icelandic Icelandic Igbo Igbo Indonesian Indonesian Italian Italian Japanese Japanese Javanese Javanese Kannada Kannada Kazakh Kazakh Khmer Khmer Korean Korean Kurdish (Kurmanji) Kurdish (Kurmanji) Kyrgyz Kyrgyz Lao Lao Latin Latin Latvian Latvian Lithuanian Lithuanian Luxembourgish Luxembourgish Macedonian Macedonian Malagasy Malagasy Malay Malay Malayalam Malayalam Maltese Maltese Maori Maori Marathi Marathi Mongolian Mongolian Myanmar (Burmese) Myanmar (Burmese) Nepali Nepali Norwegian Norwegian Pashto Pashto Persian Persian Polish Polish Portuguese Portuguese Punjabi Punjabi Romanian Romanian Russian Russian Samoan Samoan Scottish Gaelic Scottish Gaelic Serbian Serbian Sesotho Sesotho Shona Shona Sindhi Sindhi Sinhala Sinhala Slovak Slovak Slovenian Slovenian Somali Somali Spanish Spanish Sudanese Sudanese Swahili Swahili Swedish Swedish Tajik Tajik Tamil Tamil Thai Thai Turkish Turkish Ukrainian Ukrainian Urdu Urdu Uzbek Uzbek Vietnamese Vietnamese Xhosa Xhosa Yiddish Yiddish Zulu Zulu

Le truppe britanniche si preparano per il servizio in Sierra Leone contro l'Ebola

0a11_3389
0a11_3389
Scritto da editore

LONDRA, Inghilterra - Il ministro delle forze armate Mark Francois ha elogiato il personale militare che ha seguito l'addestramento medico per aiutare ad affrontare l'Ebola nell'Africa occidentale.

Stampa Friendly, PDF e Email

LONDRA, Inghilterra - Il ministro delle forze armate Mark Francois ha elogiato il personale militare che ha seguito l'addestramento medico per aiutare ad affrontare l'Ebola nell'Africa occidentale.

Più di 100 membri del 22 Field Hospital dell'esercito britannico si stanno preparando a fornire un'unità di trattamento da 12 posti letto per gli operatori sanitari in Sierra Leone.

Oggi, il signor Francois ha assistito all'addestramento in missione presso l'istituto dei servizi medici dell'esercito a Strensall, progettato per sviluppare e valutare le procedure cliniche e organizzative richieste.

Il personale ha svolto parti dell'esercizio in dispositivi di protezione individuale in un hangar trasformato in un ospedale da campo modello, trattando le vittime simulate per replicare la situazione che si aspettano di trovare quando si schierano.

Il signor Francois ha detto:

Il virus Ebola rappresenta una minaccia globale per la salute pubblica e non resteremo a guardare. Il Regno Unito è stato in prima linea nella risposta all'epidemia ei nostri medici continueranno il grande lavoro già svolto dagli ingegneri militari, dai pianificatori, dai rappresentanti del DFID e FCO e dalle ONG.

Questa operazione comporterà una serie unica di sfide, ma credo che i nostri medici militari, di cui siamo estremamente orgogliosi, abbiano la capacità di fornire supporto all'Organizzazione mondiale della sanità per aiutare a tenere sotto controllo l'epidemia.

Il personale militare si schiererà in Sierra Leone la prossima settimana dove si uniranno a ingegneri e pianificatori militari che sono stati nel paese per quasi un mese, supervisionando la costruzione delle strutture mediche.

Il comandante 2 della brigata medica, il brigadiere Kevin Beaton, ha dichiarato:

Abbiamo creato un mock-up dettagliato dell'ambiente in cui opereremo una volta dispiegato, consentendo al nostro personale di abituarsi alle procedure che dovrà sottoporsi e ai propri dispositivi di protezione individuale, lavorando in condizioni difficili.

Crediamo che questa sia una missione che vale la pena compiere e un rischio che vale la pena correre per proteggere la nostra gente mentre affrontiamo l'Ebola.

La struttura da 12 posti letto è solo un elemento dell'impegno del Regno Unito per affrontare l'Ebola. Avvalendosi dell'esperienza britannica e di imprenditori edili locali, il Regno Unito si è impegnato a realizzare l'infrastruttura fisica per un totale di 700 posti letto.

Un team di oltre 40 militari, inclusi logisti, pianificatori e ingegneri, è attualmente sul campo in Sierra Leone per supervisionare la costruzione della struttura del Regno Unito vicino a Freetown e sviluppare siti per nuove strutture.

Il Regno Unito costruirà almeno 4 nuove strutture per il trattamento dell'Ebola vicino ai centri urbani, tra cui Port Loko, Freetown, Makeni e Bo.

Stampa Friendly, PDF e Email